Nomi generici: tra UE e Giappone c’è il CCFN

Il Consortium for Common Food Names (CCFN) ha plaudito alla decisione del governo giapponese di continuare a permettere l’uso di molte denominazioni in quanto (reputate) generiche nel quadro dell’accordo di partenariato commerciale sottoscritto con l’Unione europea (UE). Per il comparto lattiero-caseario, ciò varrebbe sia per denominazioni molto contestate come “parmesan” e “romano” sia per termini quali brie, camembert, cheddar, edam, emmental, gouda, grana, mozzarella, pecorino e provolone. Il CCFN ha inoltre già chiesto alle autorità nipponiche di usare la medesima coerenza anche nella definizione degli ultimi dettagli dell’accordo inerenti le IG. Infatti, il Giappone sarebbe propenso ad accordare un periodo di transizione di sette anni agli attuali utilizzatori di talune denominazioni quali asiago, feta, fontina e gorgonzola, trascorso il quale sarebbero gli aventi titolo europei ad averne l’esclusiva.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151