Gli USA contestano l’apertura del Canada ai formaggi Ue

L’americana IDFA (international dairy foods association) ha aderito al fronte formato da 15 aziende e organizzazioni lattiero-casearie per opporsi a ulteriori restrizioni all’accesso del mercato canadese del formaggio. La coalizione contesta il piano che ridurrebbe in modo significativo le esportazioni americane in Canada attraverso un accesso a bassa tariffa, riservandone una fetta più ampia ai prodotti dell’Unione europea. In una lettera, le organizzazioni sostengono che il piano assicurerebbe all’UE l’accesso esclusivo a più del 70% dell’import caseario del Canada. Hanno esortato inoltre gli enti competenti a chiedere al Canada “il rispetto degli obblighi contemplati nel GATT e di non dare seguito a questa disposizione” prevista nel quadro dell’accordo di libero scambio Canada-Unione europea. L’accordo inoltre impedirebbe alle aziende statunitensi di utilizzare alcuni nomi di formaggi (reputandoli generici) sui prodotti esportati in Canada.
«Per l’IDFA e gli esportatori americani, le concessioni che il Canada ha fatto all’UE Canada sono sconcertanti – ha dichiarato Argilla Hough, vicepresidente senior dell’IDFA. – Nell’ottica del Partenariato trans-atlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP) tra gli Stati Uniti e l’Unione europea, la protezione dei nomi caseari generici sarà una priorità assoluta per l’IDFA».

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151