In pericolo la Casciotta d’Urbino

La produzione del noto formaggio Dop della provincia di Pesaro e Urbino è minacciata. Un convegno ha fatto il punto della situazione

Casciotta d'UrbinoLa Casciotta d’Urbino, primo formaggio Dop delle Marche, rischia di scomparire sotto i colpi della scarsa innovazione degli allevamenti di ovini e bovini, della bassa redditività e, non da ultimo, della sempre più assidua presenza di lupi (e ibridi randagi) lungo la dorsale appenninica. Per questo il Consorzio per la Tutela del formaggio Casciotta d’Urbino ha deciso di confrontarsi con attori istituzionali, produttori e allevatori in vista del PSR (Piano di Sviluppo Rurale) 2014-2020 che la Regione Marche è in procinto di approvare. Ciò è avvenuto nel corso della tavola rotonda “La Casciotta piace al lupo! Riusciremo a salvarla?” a cui ha partecipato anche il Consorzio di Tutela e l’Associazione Formaggi Italiani Dop e Igp (AFIDOP), organizzata in collaborazione con la Camera di Commercio di Pesaro e Urbino e l’Azienda Speciale Terre di Rossini e Raffaello.

I numeri del distretto

«A fronte del costante aumento delle richieste, frutto della qualità del prodotto e di un’azione di promozione continua, il timore è di non poter assicurare in futuro la produzione della Casciotta d’Urbino, la cui lavorazione è limitata alla sola Provincia di Pesaro-Urbino con latte vaccino e ovino certificato prodotto su questo territorio – ha spiegato Gianluigi Draghi, presidente del Consorzio Tutela Casciotta d’Urbino Dop. – La criticità maggiore è la carenza del latte ovino, dal momento che sul nostro Appennino si fa sempre più concreto il rischio di abbandono del settore dell’allevamento di pecore da latte» (dati mostrati nella tabella). Fra i problemi più seri da affrontare c’è la convivenza con i lupi, dal 1992 (Legge 157) “specie particolarmente protetta”. Nel 2012, secondo i dati e uno studio elaborati dalla Regione Marche in collaborazione con Ministero dell’Ambiente e ISPRA (Il lupo nelle Marche. Ieri, oggi e… domani?”), la sua presenza lungo tutta la catena appenninica era stimata intorno ai 1000 esemplari, il doppio rispetto a dieci anni fa e il triplo rispetto a venti. A complicare la situazione, in realtà, non sono soltanto i lupi ma anche i lupi ibridati e i cani rinselvatichiti. Il valore della Casciotta d’Urbino, del resto, non è si limita al fatturato ma rappresenta un importante volano per il territorio della provincia di Pesaro-Urbino e per la stessa regione.

Casciotta d'Urbino DOP

Fonte: Autorità pubblica di controllo Agenzia Servizi Settore Agroalimentare delle Marche – ASSAM Nota: i dati in tabella evidenziano che tra il 2010, il 2011 e il 2012 i capi ovini sono diminuiti mentre quelli bovini sono calati tra il 2011 e il 2012. Il latte conferito da entrambe le specie è però aumentato nel periodo perché, in precedenza, soltanto una parte di latte veniva conferita per produrre la Casciotta. Con il tempo i pastori hanno diminuito la produzione del formaggio in proprio e hanno aumentato il conferimento. Inoltre, per quanto riguarda il latte vaccino, il latte certificato è in quantità superiore a quello realmente utilizzato per la produzione della Casciotta di Urbino

Ecco perché, ha evidenziato l’assessore regionale all’Agricoltura e allo Sviluppo rurale Maura Malaspina, «per le Marche, il PSR 2014/2020 sarà fondamentale. Le sfide alle quali saremo chiamati a rispondere sono molteplici: l’accelerazione del ricambio generazionale, la creazione di una nuova classe imprenditoriale, l’innovazione tecnologica, la capacità di agganciare la ripresa e di confrontarci con i nuovo mercati economici. Tutti temi che riguardano l’agricoltura ma che non possono essere trattati se non con un approccio intersettoriale che coinvolga le altre attività produttive, il turismo, l’ambiente. Puntiamo a una modernizzazione che non deturpi il territorio che è, e deve restare, una ricchezza inestimabile. Le produzioni tipiche, in questo senso, giocheranno un ruolo fondamentale in quanto nel prossimo periodo di programmazione saranno potenziati gli interventi per incentivare le aggregazioni di filiera che avranno come obiettivo principale lo sviluppo delle produzioni di qualità a partire appunto da Dop, marchio QM e vini di qualità».

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151