In Veneto cresce la concentrazione produttiva del latte

16.000 tonnellate di latte in meno, 3.662 allevamenti iscritti all’anagrafe bovina (-4%) e un aumento della concentrazione produttiva. È l’istantanea della campagna latte nel Veneto 2013-2014, il quadro delle consegne ai cosiddetti “primi acquirenti” (trasformatori e commercianti del latte), la cartina al tornasole del settore emersi dall’indagine di Veneto Agricoltura. La quantità commercializzata quindi (rettificata in funzione della materia grassa) è stata pari a poco più di un milione di t (1.090.311t), inferiore a quella assegnata a inizio campagna (1.124.055 t) ma leggermente superiore alla quota disponibile a fine campagna, pari a 1.058.916 tonnellate, diminuita in seguito alla movimentazione delle quote e la chiusura di numerosi allevamenti. I tecnici di Veneto Agricoltura hanno rilevato inoltre come, a dispetto del trend negativo della produzione che ha caratterizzato l’ultimo decennio, facendo perdere al Veneto nel complesso circa 100.000 tonnellate (circa -8% della produzione), le ultime campagne hanno visto la produzione commercializzata stabilizzarsi intorno a 1,1 milione di tonnellate, con variazione modeste sia in positivo che in negativo intorno all’1%. Quanto agli allevamenti da latte in Veneto, vi è stato un calo delle stalle ma un rialzo della produzione media per azienda. Il numero di allevamenti iscritti all’anagrafe bovina erano a inizio campagna 3.833, mentre gli iscritti iniziali della campagna in corso sono 3.662 (-4%). Nonostante il calo, la produzione nei primi sei mesi della campagna in corso ha segnato una crescita delle consegne in Veneto di quasi +5%, che potrebbe cambiare l’andamento negativo degli ultimi anni. L’effetto “concentrazione produttiva” risulta evidente poi con l’analisi sul decennio: nella campagna 2003/04 il numero di allevamenti era di 7.254, mentre ora sono il 50% in meno, ma la produzione “persa” è stata solo dell’8%. A ulteriore conferma c’è anche il dato relativo al quantitativo medio di consegne per allevamento, che ha superato le 300 tonnellate, valore doppio rispetto alla campagna di dieci anni fa. Dove si concentra la maggior produzione in Veneto? In testa Vicenza (30%) e Verona (25%), che raggiungono la vetta anche grazie al Grana Padano e all’Asiago, che le rendono le province con il maggior quantitativo di produzione di formaggi a marchio DOP; seguono Padova con il 19% e Treviso con il 15%, decisamente distanziate le altre province.

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151