L’habitat della Listeria

Bodenbakterien_c_Stessl

Campioni di suolo e acqua sono stati prelevati e analizzati per determinarne la popolazione batterica (Foto: Beatrix Stessl/Vetmeduni Vienna)

In piccole quantità, sono presenti un po’ ovunque, anche nel terreno e nell’acqua. Per capire meglio la diffusione della Listeria, un gruppo di scienziati dell’Institute of Milk Hygiene, Univ. di Veterinaria, Vienna ha raccolto campioni di terreno e di acqua in tutta l’Austria. Il loro studio ha rivelato popolazioni più elevate di Listeria in campioni di terreno e di acqua prelevati durante i periodi di piogge, scoprendone anche ceppi resistenti agli antibiotici nel terreno. I dati sono stati pubblicati sulla rivista Applied Environmental Microbiology.

Pur essendo onnipresenti, le Listeria diventano un problema per gli esseri umani e gli animali quando contaminano impianti di trasformazione alimentare, si moltiplicano ed entrano nella catena alimentare in alte concentrazioni. Una infezione da Listeria monocytogenes può anche essere fatale per gli esseri umani o animali con un sistema immunitario debilitato.

«Le Listeria presenti nel suolo o nell’acqua rappresentano un rischio relativamente basso per l’uomo – ha spiegato la responsabile dello studio Beatrix Stessl. – Le concentrazioni sono troppo basse. L’obiettivo dell’indagine era di accertare dove le Listeria siano presenti e quali le specie e i genotipi prevalenti» per comprendere meglio i meccanismi attraverso i quali si diffondono.

Dal 2007 al 2009 sono stati così prelevati quasi 500 campioni di terreno e 70 campioni di acqua provenienti da tre regioni austriache, aree naturali non agricole. Il 30% del totale campioni era positivo alla Listeria. Di questi, il 6% era contaminato da Listeria monocytogenes, l’unica specie potenzialmente pericolosa per l’uomo e gli animali. Listeria ivanovii, potenzialmente pericolosa per gli animali, è stata trovata principalmente nelle regioni di montagna, forse escreta dalla fauna selvatica. La non patogena Listeria seeligeri è stata isolata più frequentemente nella regione del Lago di Neusiedl, forse perché collegata alla numerosa popolazione locale di uccelli acquatici.

Nessuna Listeria è stata isolata nelle regioni montane di alta quota. I ricercatori spiegano la maggiore contaminazione a bassa quota con la vicinanza ad aziende agricole, terreni agricoli e all’ambiente urbano.

Anche se le Listeria che contaminano gli alimenti non sono generalmente considerate resistenti agli antibiotici, i ricercatori austriaci hanno isolato dal terreno diversi ceppi di Listeria che hanno resistito al trattamento con antibiotici. Lo sviluppo di tale resistenza potrebbe essere dovuto al fatto che: «Un certo numero di organismi del suolo, come i funghi, producono naturalmente antibiotici. Le Listeria che sono costantemente esposte a queste sostanze nel suolo probabilmente sviluppano resistenza. Riteniamo, tuttavia, che lo sviluppo di ceppi di Listeria particolarmente resistenti possa essere spiegato dalla vicinanza a terreni agricoli e all’ambiente urbano».

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151