Nel 2012-2016 consumi di latte in calo del 7%

Secondo un report dell’ISMEA, negli ultimi cinque anni le famiglie italiane hanno acquistato il 7% in meno di latte alimentare. Il calo ha riguardato in misura preponderante il latte fresco (-15% in quantità tra il 2016 e il 2012), mentre il latte a lunga conservazione è riuscito a limitare le perdite (-3,2% in quantità). In controtendenza gli acquisti di latte alta digeribilità (senza lattosio), aumentati del 47% nel quinquennio.

La flessione maggiore degli acquisti di latte si registra nelle famiglie con un reddito più alto (-15,8%), non è, quindi, il fattore economico a influenzare gli acquisti di latte che sembrano, invece, più legati all’affermarsi di nuovi modelli alimentari. A consumare meno latte, infatti, sono soprattutto le famiglie con responsabile d’acquisto più giovane (under 35) più inclini a nuovi stili di vita e a sperimentare percorsi alimentari alternativi.

Nel quinquennio considerato, si è diffuso tra le famiglie italiane il consumo di bevande alternative a base vegetale. Se le basi vegetali per la produzione si sono moltiplicate – riso, mandorla ecc. – tra le prime e più diffuse ci sono le bevande a base di soia che, sempre nel periodo 2012-2016, hanno fatto registrare un aumento degli acquisti del 108%. Da un lato, la banca dati ISMEA-Nielsen, evidenzia un raddoppio del numero di famiglie acquirenti, dall’altro lato, nei punti vendita si è registrato il significativo ampliamento della gamma e delle referenze offerte a scaffale.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151