Recupero proteine dal siero

La cagliatura produce una quantità di siero pari all’85-90% del volume di latte. Le caratteristiche organolettiche del siero sono connesse alla composizione chimica. Il carico inquinante è elevato, con BOD5 (domanda biochimica di ossigeno) e COD (domanda chimica di ossigeno) di 35000 e 70000 mg/l circa che non permettono lo scarico diretto al suolo o in fognatura ma rendono necessaria la depurazione. Inoltre il siero è instabile, dal punto di vista microbiologico, a causa della fermentazione dei batteri del latte, quindi difficile da gestire in termini di stoccaggio e ambiente.

Però è una potenziale risorsa economica da sfruttare, con evaporatori sottovuoto come Evaled PC E 24000 a pompa di calore proposto da Veolia Water con scambiatore di calore a fascio tubiero esterno. La pompa di calore fornisce le calorie necessarie per evaporare il liquido e le frigorie per condensarne i vapori. Il vuoto (5,3 kPa) permette un punto di ebollizione a 30 °C circa. L’evaporazione produce un distillato (90% del volume iniziale) scaricabile direttamente e un fluido concentrato ricco di proteine.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151