Chimica-fisica di latte e derivati

Studio del latte microfiltrato

Per studiare la struttura e le proprietà del latte frazionato microfiltrato (con pH regolato a 6,6 o 5,8) sono state usate diverse tecniche: la SAXS (small-angle X-ray scattering), la risonanza magnetica nucleare (RMN) a basso campo, la diffusione dinamica della luce (Dinamic Light Scattering, DLS) e metodi reologici.

Al fine di scegliere le variabili di processo adatte per produrre formaggio in stampi con una modalità innovativa, i campioni sono stati sottoposti a omogeneizzazione ad alta pressione (300 MPa). È stato usato un nuovo modello per descrivere i dati ottenuti con la tecnica SAXS.

L’omogeneizzazione ad alta pressione ha distrutto le micelle di caseina a pH 5,8, ma non a pH 6,6, indicando che era necessario un certo grado di dissociazione del fosfato di calcio colloidale per rompere le micelle. Questo a sua volta ha significativamente aumentato la viscosità e ridotto la diffusione dell’acqua nella matrice.

Bibliografia

Hanne Sørensen et al. Faculty of Life Science, Copenhagen University, Danimarca; International dairy journal, Ed. online 30 maggio 2013. In stampa. http://dx.doi.org/10.1016/j.idairyj.2013.05.006

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151