Gli americani si ri-affezionano al latte

811

Un sondaggio condotto ad agosto da Morning Consult in collaborazione con International Dairy Foods Association (IDFA) ha fatto luce sulle preferenze di 2.200 americani per latte e bevande. Potendo scegliere tra latte intero, scremato (2% grasso) o magro (1% grasso) o bevande alternative (di mandorla, soia, avena, senza lattosio) o anche di fronte all’opzione “non consumare latte”, la maggior parte degli intervistati ha preferito latte intero e scremato perché “più nutritivi”. Inoltre, l’86% degli adulti statunitensi preferisce il latte rispetto alle altre bevande incluse quelle a base vegetale. Sono più di 2 a 1 gli adulti statunitensi che ritengono importante proporre nelle mense scolastiche latte a basso contenuto di grassi; 3 a 1 sono poi quelli convinti che agli studenti sarebbe meglio dare latte intero e scremato.

Alcuni risultati chiave

  1. Un sorprendente 67% di adulti reputa che il latte intero e scremato siano i tipi di latte più nutrienti: il latte scremato ha convinto il 36% del campione, quello intero il rimanente 31%.
  2. Almeno l’86% degli adulti preferisce il latte; solo il 10% opta per altre bevande incluse quelle a base vegetale e il latte delattosato.
  3. Prevalgono i pareri favorevoli per la distribuzione di latte aromatizzato nelle scuole. La metà degli adulti ritiene importante che la scuola pubblica frequentata dal proprio figlio proponga a mensa latte aromatizzato a basso contenuto di grassi, mentre solo il 22% ritiene che non sia importante. Il 29% non ha opinioni in merito.
  4. Disco verde al latte intero e PS nelle mense scolastiche per il 53% degli adulti americani, mentre solo il 18% ritiene che non sia importante. Attualmente, nelle scuole è consentito solo il latte all’1% di grasso e quello scremato.
  5. Complessivamente, sono più donne degli uomini a reputare importante che i loro figli abbiano accesso a latte intero e aromatizzato a scuola.
  6. Il 42% degli intervistati SNAP (Supplemental Nutrition Assistance Program), cioè di coloro che ricevono aiuti alimentari pubblici, sceglie il latte intero per sé o per le proprie famiglie perché più nutriente (46%). Dei 2.200 intervistati, 336 si sono identificati come SNAP.
  7. Il fattore varietà: più di tre quarti (77%) degli adulti considera importante avere diverse opzioni tra cui scegliere quando acquista latte.