Il commento del Consorzio per la Tutela del formaggio Gorgonzola sull’accordo CETA

0
734

“L’accordo CETA tra l’Unione Europea e il Canada prevede la piena protezione di circa 150 indicazioni geografiche europee, di cui ben 39 Italiane, con alcune eccezioni per quanto riguarda i formaggi e nello specifico per Asiago, Fontina, Gorgonzola (per l’Italia), Feta (per la Grecia), Munster (per la Francia).

In Canada vi è stata grande libertà di produrre formaggi, con enorme differenza qualitativa, ma con la stessa denominazione delle nostre indicazioni geografiche, il Gorgonzola è una di queste. Con l’utilizzo nelle denominazioni di vendita di richiamo dell’Italian cheese nel campo visivo principale.

Oggi con il CETA, per Grana Padano, Parmigiano Reggiano e altri formaggi si è raggiunto la protezione assoluta della denominazione, mentre per Asiago, Fontina e Gorgonzola, queste denominazioni sono considerate dal Canada come denominazioni generiche e continueranno, quindi, a essere presenti sul mercato interno e a essere vendute con lo stesso nome. Tuttavia, per queste ultime denominazioni (Asiago, Fontina e Gorgonzola) dovrà essere evidente per il consumatore finale l’indicazione della vera origine del prodotto e che si tratta di imitazioni dell’originale riportando, accanto alla denominazione di vendita, indicazioni quali: tipo, genere, stile, imitazione ecc. Eliminando così qualsiasi richiamo all’italianità e di conseguenza l’Italian sounding.

Questo è un grande risultato a salvaguardia delle nostre indicazioni geografiche.

Altro grande risultato previsto dall’accordo è l’aumento di 17.500 tonnellate delle quote di importazione a favore dei formaggi, da distribuire nei prossimi cinque anni. Ciò permetterà un trend favorevole di crescita delle esportazioni portando l’Italia a raggiungere traguardi importanti.

Certo questo tipo di accordo sarebbe importante replicarlo solo per gli Stati Uniti.

Una cosa rimane certa: l’accordo CETA non deve in alcun modo rappresentare un modello di riferimento per gli accordi di libero scambio (FTA – Free Trade Agreement) dell’Unione Europea con Paesi terzi, questo per la salvaguardia delle nostre indicazioni geografiche e per la tutela del nostro patrimonio culturale e produttivo”.

Fabio Leonardi. vicepresidente del Consorzio per la Tutela del formaggio Gorgonzola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here