In Svizzera stesse condizioni per la compravendita di latte

0
534

All’Assemblea straordinaria dei delegati del 16 novembre 2016, l’Interprofessione Latte (IP Latte) della Svizzera ha deciso di introdurre disposizioni integrative per il commercio di latte. Per garantire l’attuazione a livello nazionale, l’IP Latte ha chiesto che il Consiglio federale svizzero conferisse il carattere di obbligatorietà generale al “regolamento per il contratto standard, le modalità per la prima e la seconda fase di acquisto nonché la segmentazione” in tutte le fasi del processo della compravendita di latte crudo in virtù dell’articolo 37 della legge sull’agricoltura (RS 910.1).

Nella seduta del 15 novembre 2017, il Consiglio federale ha dato seguito alla richiesta dell’IP Latte e ha conferito il carattere di obbligatorietà generale alle disposizioni del contratto standard dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2021. Tutti gli acquirenti di latte sono quindi tenuti a comunicare entro il 20° giorno del mese ai loro venditori le condizioni relative al quantitativo e al prezzo per il mese successivo. Inoltre, vige l’obbligo di concludere contratti scritti per tutte le vendite e gli acquisti di latte nei quali i quantitativi di latte devono essere classificati in segmenti in base al loro scopo d’utilizzo. I commercianti e i valorizzatori di latte devono notificare mensilmente alla TSM Fiduciaria Sagl i quantitativi acquistati e venduti nel rispettivo segmento.

Il Consiglio federale svizzero è convinto che il conferimento dell’obbligatorietà generale al contratto standard dell’IP Latte darà un segnale forte alla filiera svizzera del latte. In questo modo per tutti gli attori del mercato lattiero si applicano le stesse condizioni quadro per la compravendita del latte crudo. Tale misura contribuisce anche a migliorare l’obbligatorietà e la trasparenza sul mercato lattiero e a consolidare la posizione dei venditori di latte, i quali grazie alle disposizioni integrative hanno una base decisionale vincolante per un eventuale adeguamento della produzione e del commercio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here