Sequestrata falsa Mozzarella di Bufala Campana a Milano

0
109

sequestro mozzarella di bufala campana

Oltre 50 chilogrammi di falsa mozzarella di bufala campana Dop e di altri prodotti alimentari scaduti insieme a cento chili di imballaggi di confezionamento. Questo l’esito del sequestro degli agenti vigilatori del Consorzio della DOP e dai Carabinieri del Reparto Tutela Agroalimentare di Torino in un’indagine congiunta

Il produttore, con diversi punti vendita tra Campania e Lombardia, utilizzava abusivamente la denominazione “Mozzarella di Bufala Campana Dop”. Spacciava, infatti, per mozzarella di bufala campana Dop una mozzarella da latte misto (vaccino e bufalino). Inoltre, aveva riprodotto il logo del Consorzio senza alcuna autorizzazione. Gli agenti hanno sequestrato le confezioni di falsa mozzarella di bufala e procederanno alla distruzione dei prodotti scaduti. Il produttore ha ricevuto una sanzione da 20mila euro. Le indagini sono ancora in corso.

Un’estate all’erta

Già nei mesi di luglio e agosto Consorzio, forze dell’ordine e Ispettorato Centrale Qualità e Repressione Frodi (Icqrf) del MiPaaf hanno intensificato la task force anticontraffazione. Sono state effettuate 5 operazioni di sequestro, che hanno portato al sequestro di circa 200 kg di mozzarelle falsificate, 40mila buste di confezionamento. Le sanzioni elevate superano i 30mila euro; 2 le persone denunciate alla Procura della Repubblica per frode in commercio.

“Questa operazione è il risultato dell’intensificazione dei controlli voluta dal Consorzio durante tutto il periodo estivo, che coincide con il momento di maggior consumo del prodotto e anche di maggiori rischi di violazioni”, commenta il direttore del Consorzio, Pier Maria Saccani.

“Il brand della Bufala Campana fa gola a tanti – prosegue il direttore. – La provenienza della mozzarella dalla Campania è per i consumatori sinonimo di autenticità, noi proteggiamo questa certezza da chi invece vuole approfittarne. Ringraziamo le forze dell’ordine e l’Icqrf per questo ennesimo esempio di collaborazione, nel solco di una intesa istituzionale ormai collaudata. L’operazione di Milano è stata condotta a tutela non solo dei consumatori, che non vanno ingannati, ma anche dei tantissimi produttori onesti. Noi continueremo a moltiplicare i nostri sforzi in tutta Italia”.