Aggiornamento mercati 20-9-2023

733

 

Per quanto concerne gli andamenti mensili delle quotazioni lattiere Ue solo la polvere magra riesce a invertire la tendenza al ribasso: burro 441 €/100 kg (-0,6%) , SMP 228€/100 kg (+0,6%), WMP 328 €/100 kg (-0,7%), cheddar 357 €/100 kg (-0,1).

Il prezzo del latte spot italiano si attesta a 52,3 c/kg (17/9/2023).

L’UE si conferma la più competitiva per il cheddar mentre l’Oceania lo è per SMP, WMP e burro.

Nella settimana 37 rispetto alle 4 precedenti, continua la discesa dei costi della razione zootecnica (-1,4%) e il rialzo dei costi energetici (+3%).

A luglio le consegne di latte UE spuntano un incremento dello 0,7% e dello 0,8% nei primi 7 mesi del 2023 rispetto ad analogo periodo del 2022.

Evoluzione della produzione dei derivati lattieri tra gennaio e luglio 2023 (rispetto al 2022): latte concentrato (+6,3%), panna (+2,9%), burro (+1,9%), formaggio (+1,4%), latte fermentato (+0,9%), latte alimentare (+0,6%) e WMP (+1,6%), SMP (-2,3%).

Produzione di latte a luglio 2023 (anno su anno): +0,1% in Australia; +0,9% in Gran Bretagna; -0,7% in Nuova Zelanda; e -0,5% in USA.

All’ultima asta GDT (19/9/2023) l’indice generale dei prezzi ha guadagnato lo 4,6%, con rialzi per tutte le commodity eccetto il formaggio: AMF (+5,3%), burro (+3,8%), SMP (+5,4%), WMP (+4,6%), formaggio (-1,7%).

 

Fonte: European Milk Market Observatory (MMO)