Ampliamento e rinnovamento per Alti Formaggi

0
520

In occasione dell’ultima assemblea dei soci, l’associazione Alti Formaggi ha eletto il nuovo consiglio direttivo che sarà presieduto dal neoeletto Libero Giovanni Stradiotti e ha trasferito la propria sede a Cremona in Piazza Marconi n. 3.

Oltre alla riconferma di uno dei soci fondatori (il Consorzio Tutela Provolone Valpadana) la base associativa ora comprende anche il consorzio del Piave (con Busche, provincia di Belluno) e quello della Casciotta d’Urbino (con sede a Colli al Metauro, provincia di Pesaro-Urbino).

Attraverso convegni, dibattiti, presentazioni culinarie e workshop, l’associazione intende comunicare la tradizione dei formaggi dei propri associati, illustrandone più compiutamente la produzione, la stagionatura e gli aspetti nutrizionali, senza tralasciare i valori comuni dei prodotti a Indicazione Geografica.

Inoltre, l’associazione Alti Formaggi ha aggiornato il proprio statuto, diventando un ente del terzo settore, ampliando i propri obiettivi verso la promozione e diffusione di attività culturali e di utilità sociale. In tale contesto si inserisce la realizzazione di Alti Formaggi Magazine, uno strumento di comunicazione che punta a mettere in risalto molti degli aspetti che legano i frutti della terra al territorio e alle persone che ne sono i principali fautori. Nei prossimi mesi, poi, verranno presentate dall’Associazione nuove iniziative culturali ed artistiche sul territorio nazionale.

«Sono onorato di essere stato posto alla guida di quest’associazione, costituitasi da più di 10 anni e che, nel tempo, ha creato collaborazioni sempre più importanti su tutto il territorio nazionale – ha dichiarato il neopresidente Libero Stradiotti. – Credo fermamente che il confronto con diverse realtà consortili, costruita negli anni, possa portare a risultati brillanti. Abbiamo a cuore la cultura e le tradizioni da sempre e con i rinnovati ambiti statutari avremo modo di dare ulteriore impulso alla nostra creatività ed al nostro impegno anche in ambito sociale».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here