Intesa “low cost” fra Lactalis e due OP

1362

«Un colpo al sistema zootecnico italiano e una minaccia per i consumatori». Così il presidente di Coldiretti Lombardia, Ettore Prandini, definisce l’accordo appena siglato da due OP (Organizzazioni di Prodotto) del Cremasco e della Bergamasca con la multinazionale francese Lactalis per un prezzo del latte che prende come riferimento quello medio di altri Paesi d’Europa. Il presidente di Coldiretti Lombardia stigmatizza anche la tempistica dell’accordo: 48 ore prima del tavolo lombardo sul latte, dove in modo lungimirante l’assessore regionale Fava parla di indicizzare il prezzo alla stalla sul valore di mercato del Grana Padano che è il prodotto e la Dop più significativa della Lombardia, e mentre il Consiglio dei ministri si prepara ad approvare un Decreto Latte che per la prima volta nella storia sancirà che il prezzo di mercato non si deve discostare in maniera significativa dai costi di produzione delle stalle italiane.