Latteria Soligo investe nella sostenibilità

1415

Ieri la società ha annunciato investimenti strategici per la riduzione dell’impatto ambientale di tutta la filiera produttiva. Lorenzo Brugnera, presidente Latteria Soligo, ha infatti dichiarato: «La nostra mission è di realizzare un’agricoltura e dei prodotti che rispettino l’ambiente e guardino al benessere dei nostri consumatori. Siamo intervenuti con importanti investimenti nei nostri stabilimenti, con impianti fotovoltaici da 800 kWatt/h (400 kWatt a Farra, 200 kWatt nella centrale del latte di Caposile e altrettanti nello stabilimento di Breganze) e ora daremo il via a un impianto a biomasse, che ci convertirà per buona parte alle fonti rinnovabili. I nostri caseifici lavorano a energia circolare, dove nulla deve essere sprecato: abbiamo investito in nuovi sistemi refrigeranti (applicando tecnologie computerizzate Premio Innovazione Legambiente) e ridotto l’utilizzo di acqua (attraverso linee a vapore per la produzione dei formaggi filati) e realizzato impianti di depurazione che restituiscono alle nostre campagne acqua di fiume, adatta all’irrigazione». È stato infatti approvato definitivamente l’iter progettuale per la realizzazione del nuovo impianto a biomasse per un investimento del valore di 2,5 milioni, grazie al supporto del PSR, Piano Sviluppo Rurale Regione del Veneto (600mila euro i fondi europei). «Una energia circolare che consentirà non solo di produrre gas utilizzando i composti bioattivi di scotta e siero, che oggi rappresentano un costo come rifiuti speciali (pesando per 240mila euro l’anno sul bilancio), ma anche energia termica, grazie a una centrale di stoccaggio da 700 ettolitri per l’acqua calda che verrà utilizzata nei lavaggi: possiamo dire di chiudere il cerchio della nostra filiera, nei nostri stabilimenti entra latte, escono acqua pulita e formaggi».