L’UE stanzia quasi 186 milioni € per la promozione agroalimentare

587

Per il 2022 ammontano complessivamente a 185,9 milioni di € gli stanziamenti per la promozione dei prodotti agroalimentari all’interno e all’esterno dell’UE. Analogamente al 2021, il programma di lavoro della politica di promozione per il prossimo anno è incentrato sui prodotti e le pratiche agricole che sostengono gli obiettivi del Green Deal europeo, quali i prodotti biologici dell’UE, gli ortofrutticoli, l’agricoltura sostenibile e il benessere degli animali. Nello specifico per i programmi multipli il finanziamento totale è di 96.900.000 €, per quelli semplici 89 milioni.

Le caratteristiche

La politica di promozione cofinanzierà campagne in linea con le ambizioni del Green Deal europeo, a sostegno degli obiettivi delineati con la strategia “Dal produttore al consumatore”, il piano europeo di lotta contro il cancro, il piano d’azione dell’UE per l’agricoltura biologica e la comunicazione sull’iniziativa dei cittadini europei “End the cage age”. Le campagne dovrebbero informare i consumatori dell’Europa e del resto del mondo circa l’agricoltura biologica, l’agricoltura sostenibile nell’UE e il contributo del settore agroalimentare all’azione climatica e l’ambiente. Nell’UE saranno finanziate campagne per promuovere anche un’alimentazione sana e una dieta equilibrata aumentando il consumo di frutta e verdura fresche.

Per aumentare inoltre la coerenza con il piano europeo di lotta contro il cancro, il materiale promozionale visivo delle campagne dovrà far riferimento alle linee guida dietetiche espresse in termini di alimenti (FBDG) dello Stato membro interessato.

Le campagne si prefiggono inoltre di sottolineare gli standard elevati di sicurezza e qualità nonché la diversità e gli aspetti tradizionali dei prodotti agroalimentari europei, ad esempio, promuovendo i regimi di qualità dell’UE, come le indicazioni geografiche nell’UE.

I Paesi target

Per quanto riguarda le campagne al di fuori dell’UE, si accorda priorità ai mercati con un elevato potenziale di crescita, come il Giappone, la Corea del Sud, il Canada e il Messico. Le campagne selezionate dovrebbero migliorare la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari dell’Unione, ottimizzarne l’immagine e aumentare la loro quota di mercato nei paesi interessati.

Gli inviti a presentare proposte saranno pubblicati nel gennaio 2022.