Misurare la pressione con affidabilità

72

Le soluzioni di Vega consentano di ottimizzare i processi di produzione e garantire la qualità lattiero-casearia

trasduttore di pressione
Vegabar 83 è un trasduttore di pressione con cella di misura metallica per serbatoi, che misura liquidi e prodotti viscosi con elevata pressione di processo. Il campo di misura va da -1 a 1000 bar, la temperatura di processo da -40 a +200 °C

Il latte è la principale materia prima sia dei piccoli caseifici sia delle grandi industrie lattiero-casearie. Usato crudo per la realizzazione dei più tradizionali formaggi di malga, oggi sempre più spesso arriva nelle centrali di lavorazione per subire un trattamento termico che ne elimina spore e microrganismi e ne prolunga il tempo di conservazione.

Dopo essere stato stoccato, il latte crudo viene preriscaldato nel preriscaldatore a una temperatura di circa 55 °C prima di passare nel separatore. Per un processo di riscaldamento ottimale, l’acqua di riscaldamento e raffreddamento deve essere monitorata tramite strumenti di misura di pressione affidabili. In questo modo è possibile avere dati sicuri indipendentemente dalle oscillazioni della temperatura e ottimizzare l’impiego dell’acqua di riscaldamento e raffreddamento.

sensore di pressione
Vegabar 28 è un sensore di pressione con funzione di pressostato e cella di misura ceramica. Il campo di misura va da -1 a 60 bar, la temperatura di processo da -40 a +130 °C

Dopo il riscaldamento, il latte passa nel separatore. Per consentire un’adduzione continua di latte crudo è necessario monitorare la pressione nella condotta di alimentazione, così come la pressione nella condotta di deflusso del latte scremato e della crema. Ciò serve per garantire la standardizzazione; mentre per il monitoraggio delle particelle solide separate (sporco o batteri, per esempio) che si depositano occorre misurare con accuratezza la soglia di livello, che oltretutto permette anche di ridurre i tempi di pulizia. Tutti i processi di lavorazione dei prodotti lattiero-caseari sono soggetti a standard igienici molto elevati, e i sensori Vega offrono una metodologia di misura del livello e della pressione affidabile nella produzione di burro, latticello, formaggio, latticini fermentati e siero di latte.

Misurare la pressione in serbatoi e preriscaldatori

Il latte crudo che giunge alla centrale di lavorazione è conservato in serbatoi a una temperatura di 4 °C circa e mescolato continuamente fino alla lavorazione successiva. Per proteggerlo dalle contaminazioni in caso di sovrappressioni o impedire l’eccessivo riempimento del serbatoio, occorre dotarsi di trasduttori tipo Vegabar 83. Combinabile con qualsiasi altro sensore della serie Vegabar 80 per la misura elettronica della pressione differenziale, è adatto a tutti i settori industriali e particolarmente in applicazioni con pressioni elevate ma anche in presenza di prodotti viscosi. Il modello Vegabar 83 consente di rilevare anche campi di misura minimi a partire da 0,1 bar.

La sicurezza di misura è garantita dall’esecuzione resistente al vuoto. Per temperature fino a 200 °C e con attacchi di processo di grandi dimensioni lo strumento utilizza l’elemento sensore brevettato Metec, composto dalla cella di misura ceramica capacitiva Certec e da uno speciale sistema di separazione a compensazione di temperatura. L’attacco di processo dell’apparecchio è realizzato in acciaio inox Aisi 316L o lega C276, la membrana di processo in lega C276, la guarnizione in FKM, FFKM o EPDM. Mentre la custodia, che può essere di resina, alluminio o acciaio speciale, è disponibile nell’esecuzione a una camera con grado di protezione IP68 (25 bar) ed elettronica esterna oppure IP69K.

Trasferire il latte crudo dal serbatoio di stoccaggio al riscaldatore è uno dei primi step delle successive lavorazioni. Per questo garantire la sicurezza misurando costantemente la pressione è fondamentale, e Vega propone diversi strumenti.

Tra questi Vegabar 28 e 29, entrambi facilmente integrabili nei sistemi di controllo del cliente grazie alla comunicazione IO-Link e con indicazione dello stato ben visibile da qualunque posizione, a colori e regolabile. Vegabar 28 è un trasduttore di pressione con cella di misura ceramica che può essere universalmente usato per la misura su vapori e liquidi fino a 130 °C. L’attacco universale opzionale per gli adattatori igienici riduce gli oneri di installazione e snellisce la gestione del magazzino. Il cuore del trasduttore di pressione è la cella di misura ceramica Certec che si contraddistingue per la stabilità a lungo termine e l’elevata resistenza al sovraccarico. Le parti dello strumento a contatto con il prodotto sono realizzate in acciaio inox Aisi 316L, acciaio inox duplex, Peek e ceramica zaffiro; mentre le guarnizioni possono essere in FKM, EPDM o FFKM in base all’attacco di processo. La custodia, corredata di connettore a spina oppure uscita diretta del cavo, è disponibile con grado di protezione fino a IP68.

Misurare pressione e soglia di livello nel separatore

sensore di pressione
Vegabar 39 è un sensore di pressione con funzione di pressostato e cella di misura metallica. Il campo di misura va da -1 a 1000 bar, la temperatura di processo va da -40 a +130 °C

Quando il latte crudo passa dal riscaldatore al separatore, uno degli strumenti proposti da Vega per monitorare sia la pressione sia la soglia del livello è Vegabar 39, trasduttore di pressione che controlla vapori e liquidi fino a 130 °C. L’attacco universale opzionale per gli adattatori igienici riduce gli oneri di installazione e snellisce la gestione del magazzino. Il sensore è dotato di un display per la calibrazione sul posto e la visualizzazione a 360° dello stato a colori.

L’impiego universale è garantito dalla cella di misura metallica completamente saldata con membrana d’acciaio. Lo strumento effettua la misura con precisione anche in applicazioni che impongono elevati standard di robustezza e igiene.

Il cuore del trasduttore è la cella di misura, che converte la pressione rilevata in un segnale elettrico, trasformato dall’unità elettronica integrata in un segnale in uscita normalizzato. Con campi di misura fino a 100 bar utilizza una cella di misura piezoresistiva con liquido di trasmissione interno; mentre da 250 bar una cella di misura estensiometrica applicata dietro la membrana d’acciaio. Un sistema a secco che funziona bene senza ulteriore liquido di trasmissione.

Come tutti gli strumenti Vega, anche questo è omologato per l’impiego in ogni ambiente, tra cui zone a rischio di esplosione o particolarmente esigenti in termici di igiene. Grazie alle svariate possibilità di attacco, inoltre, i sensori possono essere facilmente integrati in qualsiasi applicazione di processo.