Quasi un secolo di tecnologia e innovazione

352

 

Mingazzini si conferma un punto di riferimento nel panorama internazionale grazie a efficienza, sicurezza e supporto customizzato che ne caratterizzano prodotti e servizi

Mingazzini, con oltre 90 anni di esperienza e più di 10.000 generatori installati esclusivamente per uso industriale, offre tutta la garanzia di un nome consolidato giunto alla quarta generazione. Con sede a Parma, l’azienda serve una clientela appartenente a tutti i settori industriali che utilizzano il vapore. Nonostante la continua crescita, Mingazzini rimane un’azienda a conduzione familiare, fedele ai valori tramandati di generazione in generazione, combinando allo stesso tempo l’aggiornamento tecnologico e l’innovazione, rendendola una realtà moderna, capace di esprimere una cultura, una flessibilità e una creatività, espressioni del vero “Made in Italy” riconosciuto e ammirato a livello internazionale. La qualità è garantita dalle numerose certificazioni, che coprono tutti gli aspetti, dalla progettazione alla fabbricazione fino al collaudo. Con Mingazzini si ha la certezza di relazionarsi con una controparte seria e collaborativa, un alto livello di servizio pre e post vendita, l’affidabilità del sistema fornito, pensato per durare nel tempo. La produzione si concentra su generatori a tubi da fumo a media pressione, abbinati a sistemi esclusivi di recupero energetico, che posizionano l’azienda come primario player di mercato, in grado di fornire generatori di vapore altamente affidabili e di massimizzare il risparmio energetico, sempre nel rispetto dell’ambiente e delle normative sull’emissione in ambiente.

Tra gli ambiti più attivi spicca il food, estremamente dinamico. Gli impianti Mingazzini sono adatti per la lavorazione della carne, del pesce, degli ortaggi, dei prodotti lattiero-caseari, di pane e prodotti da forno, pet food, distillazione di alcolici, produzione di vino e birra e dell’industria delle bibite e dell’acqua.

I prodotti Made in Mingazzini sono caratterizzati da alcuni elementi che li identificano in modo inequivocabile, facendo emergere il valore della loro qualità, grazie all’utilizzo delle tecnologie di progettazione e di lavorazione più avanzate. Come i tre giri di fumo consentono un utilizzo ottimale del calore e alti rendimenti. La camera di inversione dei fumi, completamente immersa nell’acqua, aumenta la superficie esposta alla fiamma senza l’utilizzo di isolamento refrattario, riducendo i costi di manutenzione e le perdite di calore. Inoltre, le caratteristiche strutturali favoriscono una circolazione intensa dell’acqua nella caldaia, evitando surriscaldamenti localizzati. Il grande diametro del focolare aumenta lo scambio termico, la produzione di vapore e la resa, riducendo l’impatto ambientale. La praticità è garantita dalla presenza di sportelli camera a fumo anteriore e posteriore, per una facile accessibilità per la pulizia, la manutenzione e l’ispezionabilità. Inoltre, la gestione è semplificata dalla dotazione di accessori e componenti di controllo e sicurezza che consentono il funzionamento senza presenza continua per 24-72 ore, in conformità alle norme vigenti. Un quadro elettrico permette la completa supervisione e gestione da remoto del generatore o della centrale termica nel suo complesso. Inoltre, l’utilizzo di bruciatori “Low NOx” e sistemi di recupero energetico consente di ottenere valori di NOx e CO in conformità alle normative di emissione locali e internazionali, contribuendo al risparmio energetico e alla salvaguardia dell’ambiente. I generatori di vapore della serie PB hanno un rendimento base del 90% che può essere ulteriormente migliorato con personalizzazioni. Questi risultati sono stati ottenuti grazie alla costante attività di perfezionamento degli impianti e dei processi produttivi, offrendo soluzioni sempre all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, prestazionale e che rientrano pienamente nei finanziamenti e nelle agevolazioni fiscali per favorire gli investimenti nella competitività tra cui il Credito d’imposta Transizione 4.0 per gli investimenti in beni strumentali, al pari degli investimenti in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0.