3A: presentato il piano industriale 2023-2027

0
248

L’assemblea dei soci della Cooperativa Assegnatari Associati Arborea ha accolto positivamente la presentazione del Piano Industriale per il quinquennio 2023-2027. In uno scenario complesso e imprevedibile come quello attuale, caratterizzato da inflazione, calo della produzione di latte e dall’aumento dei costi di gestione per tutta la filiera, il sistema cooperativistico di Arborea esce dal confronto con unità d’intenti.

Nonostante il contesto economico sfavorevole il piano del prossimo quinquennio consentirà di portare la remunerazione del latte a 0,60€/L (IVA compresa) per i soci conferitori già dal 2023, per poi aumentare gradualmente nel prezzo di anno in anno.

Export al 10% del fatturato

Con l’implementazione del piano, la società punta a raggiungere la quota di oltre 300 milioni di fatturato entro 5 anni (+54% sul 2021) con l’obiettivo di mercato di 130 milioni in Sardegna, dove la cooperativa rappresenta il principale polo produttivo del comparto lattiero-caseario.

Sulla Penisola, invece, la cooperativa punta a un fatturato di 140 milioni. Dall’export infine si attende un fatturato di 30 milioni.

Capitolo costi

Relativamente alla tempesta energetica in atto il Presidente Sequi ha sottolineato la necessità di un sostegno del governo nazionale per un incremento del credito d’imposta di almeno il 50% sull’aumento dei costi energetici: “Una delle condizioni indispensabili per tenere in piedi il sistema agricolo regionale. Auspichiamo, inoltre, un congruo contributo per aiutare le aziende agricole nella gestione operativa del 2023. Il CDA – ha concluso Sequi – ha presentato una situazione patrimoniale aggiornata della 3A, evidenziando i risultati migliorativi rispetto al 2021 con una chiusura in pareggio e un ulteriore riconoscimento economico litro/latte al socio.”

Aree di investimento saranno quella industriale, in ottica di efficientamento della produttività, con uno sguardo attento ai criteri ESG ed al valore della filiera. A tal riguardo è in via di definizione la realizzazione con un partner tecnico e finanziario di un impianto per la produzione di biogas – biometano. Tale impianto utilizzerà i reflui zootecnici conferiti dai soci aiutando gli stessi nella diminuzione dei nitrati presenti nel terreno.