Buoni risultati per Hochland nel 2020

0
91
immagine cortesia Hochland

Tutto sommato, il gruppo Hochland ha superato bene il 2020. La chiusura dell’horeca ha determinato un crollo delle vendite destinate a tale canale che ha avuto un elevato impatto sulle filiali di Stati Uniti e Spagna. Tale flessione è stata tuttavia compensata dall’aumento della domanda del commercio alimentare. E di ciò ne hanno beneficiato maggiormente i prodotti a marchio: hanno guadagnato il 12% le vendite dei brand provenienti dall’Algovia. I maggiori incrementi a volume in termini assoluti sono stati registrati in Germania (coi marchi Hochland, Patros e Gervais) e Russia (brand Fetaxa). Nella categoria dei formaggi, si è distinto il white cheese.

In Germania la quota di mercato (valore) di Hochland è salita al 4,1%. L’azienda ha così rafforzato la sua posizione di secondo player del mercato generale, incrementando le distanze dal terzo.

La business unit CoPacking ha ottenuto risultati ancora migliori, con una crescita a doppia cifra trainata dall’export di formaggio fuso. Dall’attività a marchio del distributore Hochland Deutschland GmbH ha spuntato un +7% nel 2020.

Nel complesso, le vendite di formaggio del gruppo sono aumentate del 4% a 394.000 tonnellate (+16.000 tonnellate rispetto all’anno precedente) mentre quelle totali di circa il 2%.

La pandemia non ha infine fermato gli investimenti a cui l’azienda ha destinato la cifra record di 140 milioni di euro nel 2020. Oltre alle ristrutturazioni a Schongau e Heimenkirch, sono in costruzione due magazzini con baie di carico a livello.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here