Cresce l’importanza della protezione dell’ambiente presso i cittadini UE

0
195

Tra il 6 e il 19 dicembre 2019 negli allora 28 Stati membri dell’UE, 27.498 cittadini sono stati intervistati di persona allo scopo di sondarne la percezione in tema di protezione dell’ambiente. Ne è così nata un’indagine Eurobarometro, dalla quale emerge che il 94% dei cittadini di tutti gli Stati membri concorda sul fatto che la protezione dell’ambiente è importante. Inoltre, il 91% dei cittadini ha dichiarato che i cambiamenti climatici costituiscono un problema grave nell’UE. A giudizio dell’83% degli intervistati, la legislazione europea è necessaria per proteggere l’ambiente. In generale l’indagine evidenzia la necessità di ulteriori azioni per proteggere l’ambiente sulla base di una responsabilità condivisa tra cittadini, grandi imprese e industria, governi nazionali e l’UE. Secondo il sondaggio per affrontare più efficacemente i problemi ambientali occorre “cambiare i nostri modelli di consumo” e “cambiare il nostro modo di produrre e commercializzare i prodotti”.

Al centro delle preoccupazioni degli intervistati legate all’ambiente vi sono i cambiamenti climatici, l’inquinamento atmosferico e i rifiuti. Più di tre quarti degli intervistati (78%) ritiene che le questioni ambientali abbiano ricadute dirette sulla loro vita di tutti i giorni e sulla loro salute. Più di otto cittadini su dieci sono preoccupati per l’impatto delle sostanze chimiche presenti in prodotti di uso quotidianoe riconoscono che potrebbero essere necessari dei cambiamenti radicali. Forte il sostegno del campione intervistato alle misure proposte volte a ridurre la quantità dei rifiuti di plastica e la loro dispersione nell’ambiente. Infatti, i prodotti dovrebbero essere concepiti in modo da facilitare il riciclo di questo materiale; industriali e commercianti dovrebbero sforzarsi di ridurre gli imballaggi di plastica; si dovrebbero prevedere interventi educativi rivolti ai cittadini su come ridurre i loro rifiuti di plastica; le autorità locali, infine, dovrebbero mettere a disposizione strutture migliori per la raccolta di questo tipo di rifiuti e prevederne in numero più elevato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here