Dati Ismea: sempre più vuoti i bicchieri di latte

0
63

Il Report Ismea n. 2/2019 “Consumi alimentari domestici delle famiglie italiane – Periodo gennaio-marzo 2019” mostra ancora quanto sia ancora in difficoltà il settore lattiero caseario (rispetto al primo trimestre 2018). Infatti, la domanda interna è in flessione sia per latte che per formaggi. La dinamica negativa è in parte imputabile ad alcuni cambiamenti socio-demografici (come la riduzione del numero di bambini per nucleo familiare e/o il minor tempo da dedicare alla colazione), oltre che ai costanti messaggi mediatici che legano problemi di salute ai prodotti di origine animale.

Scendono i consumi di latte

Pesante, nel primo trimestre 2019 il calo degli acquisti di latte sia fresco (-3,7%) che UHT (-2,2%). Per i formaggi la spesa è in flessione nel complesso dello 0,6% con una tendenza al miglioramento per i prodotti confezionati reperibili in “banco frigo” classificati come “molli” (+0,2%) e “industriali” (-0,5%), i cui volumi acquistati crescono di oltre due punti percentuali. I “duri” (-0,9%), “semiduri” (-1%) e “freschi” (-0,9%) accusano lievi ridimensionamenti degli acquisti. Sul mercato interno da segnalare l’apprezzamento delle famiglie italiane per gli yogurt, il cui trend di spesa è in positivo dell’1,1%, i gelati (+13,7%), creme spalmabili e dessert (+6,9).

L’export è un’ancora di salvezza

A sostenere il comparto resta comunque la buona domanda sui mercati esteri, nonostante il rallentamento della crescita, le esportazioni di formaggi e latticini italiani hanno infatti registrato, nel 2018, un nuovo record con un valore di oltre 2,8 miliardi di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here