Dentis rafforza il business rPET

0
218

 

La crescita sostenibile al centro dei progetti di Dentis Recycling Italy, azienda cuneese di proprietà dell’omonima famiglia, che dal 1987 è specializzata nel recupero del PET proveniente da raccolta differenziata o da scarti di lavorazione ed è oggi un importante player internazionale nel settore del riciclo meccanico. Con un’innovativa operazione targata “Green New Deal”, Dentis ha ottenuto un finanziamento di 35 milioni di euro, sostenuto dalla garanzia green di SACE ed erogato da un pool di istituti finanziari, composto da Deutsche Bank, Intesa Sanpaolo, UniCredit e CDP.

Dentis investirà la somma nella realizzazione di un nuovo impianto per il riciclo delle bottiglie in PET per alimenti presso lo stabilimento di Sant’Albano Stura (CN), accanto alla linea di produzione già esistente.

Le bottiglie vengono lavorate per produrre PET riciclato (rPET) adatto all’uso alimentare, attraverso un processo meccanico che permette al rifiuto di avere nuova vita, riducendo così l’impatto sull’ambiente legato sia allo smaltimento dei rifiuti, sia alla produzione di bottiglie da materia prima di origine fossile.

Prepararsi al 2030

Un investimento strategico, quindi, in risposta alle esigenze del comparto del beverage, coerente con la direttiva SUP (Single Use Plastics), approvata di recente dall’Unione Europea (904/2019), che fissa l’obbligo di utilizzo di rPET nella produzione di nuove bottiglie per almeno il 25% entro il 2025 e il 30% entro il 2030 – il cosiddetto processo di riciclo “bottle-to-bottle” – oltre a un target di raccolta differenziata delle bottiglie in PET immesse sul mercato del 77% entro il 2025 e del 90% entro il 2029. Il “bottle to bottle” in Italia è possibile dal 2010 grazie anche al via libera dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare, tuttavia ancora oggi volumi considerevoli di rPET per alimenti provengono dall’estero.

Grazie all’impatto positivo in termini di mitigazione del cambiamento climatico e di economia circolare, il progetto Dentis rientra negli obiettivi del piano europeo Green New Deal. Come previsto dal Decreto Legge “Semplificazioni” dello scorso luglio (76/2020), SACE può rilasciare “garanzie green” su progetti domestici in grado di agevolare la transizione verso un’economia a minor impatto ambientale, integrare i cicli produttivi con tecnologie a basse emissioni per la produzione di beni e servizi sostenibili e promuovere iniziative volte a sviluppare una nuova mobilità a minori emissioni inquinanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here