Fontina: prima campagna di comunicazione nazionale per i 25 anni della DOP

679

 

Il consorzio produttori e tutela della Fontina DOP lancerà la prima campagna di comunicazione a livello nazionale, a partire da metà di novembre 2021.

Come è articolata

La campagna consisterà in un piano strategico di investimenti (reso possibile grazie alla partecipazione al bando del PSR di Regione Valle d’Aosta per lo Sviluppo Rurale) della durata di un anno e prevede uno spot tv, la realizzazione del ricettario multilingue, la nuova release del sito istituzionale Fontina-dop.it (già attivo) e gli account social del marchio (Facebook e Instagram, un canale video su YouTube).

Il claim dello spot televisivo, realizzato dall’agenzia Metrix Communication di Milano, è “Fontina Dop. Non è della Valle d’Aosta, è la Valle d’Aosta” a sottolineare il connubio indissolubile tra la DOP e il suo territorio di produzione, dato non completamente acquisito dai consumatori italiani come emerso dai focus group curati dall’agenzia.

“Siamo molto contenti di aver avuto il pieno supporto da parte dell’amministrazione regionale per la realizzazione di questa prima campagna di comunicazione così importante per noi – afferma Andrea Barmaz, presidente del Consorzio Produttori e Tutela della DOP Fontina -. La passione e il duro lavoro degli alpigiani, dal casaro, al pastore al tuttofare, sono un valore da salvaguardare a tutela della biodiversità del nostro territorio e di un’antica tradizione casearia da custodire e tramandare alle prossime generazioni.

Volevamo che la campagna sottolineasse questo legame con il territorio e con i suoi abitanti perché il nostro è un formaggio che nasce ogni giorno lavorando, prevalentemente a mano, una materia prima unica perché prodotta da bovine originarie della Valle d’Aosta e non sottoposta ad alcun trattamento prima della caseificazione”.

Il problema delle imitazioni

“La Fontina DOP è un prodotto di montagna con numeri ormai piuttosto importanti. A settembre di quest’anno abbiamo già raggiunto quota 430mila forme prodotte, con un aumento del 6,2% rispetto all’anno scorso” – prosegue Barmaz. – Certo abbiamo il grosso problema delle imitazioni che, se da un lato sono un segno di apprezzamento, dall’altro danneggiano una produzione importante per tutta la regione. Crediamo che far conoscere ai consumatori attenti come quelli di oggi, la genuinità, la qualità e le caratteristiche uniche della Fontina DOP sia il modo migliore per combattere le contraffazioni.”

Alcuni numeri di Fontina DOP
Numero soci: 169 tra produttori, stagionatori e confezionatori
Numero alpeggi: 200
Numero allevamenti: 700
Forme prodotte: 430mila (a settembre 2021)
Volume d’affari: 40 milioni di euro circa l’anno
Con 400mila forme prodotte nel 2020 la Fontina è l’8° formaggio di latte vaccino per importanza tra le DOP casearie italiane.