Froneri: primo semestre soddisfacente

340

 

Nel semestre conclusosi il 30 giugno 2023 le vendite di Froneri hanno registrato una crescita rispetto all’anno precedente. Questo in seguito all’aumento dei listini che si è verificato nel 2022 e, in misura minore, all’inizio del 2023, per compensare i maggiori costi di produzione. Il volume delle vendite a pallet è simile a quello dell’anno precedente.

L’inflazione dei costi delle materie prime e degli imballaggi, dell’energia e della distribuzione è stata pervasiva in tutti i mercati nel corso del 2022 e del 2023. Nonostante la stabilizzazione di parte di questa inflazione dei costi, Froneri non prevede alcuna deflazione nel breve termine.

Lo slancio delle vendite dei gelati da consumo casalingo continua di pari passo alla crescita del mercato e all’incremento delle quote di mercato nella maggior parte dei Paesi in cui Froneri opera. Le vendite Out of Home (OOH) continuano a riprendersi dalla pandemia COVID-19 e sono ora al di sopra dei livelli pre-pandemia. Froneri ha anche aumentato la quota di mercato del proprio business private label: le vendite hanno infatti beneficiato dalla ricerca da parte dei consumatori di alternative più convenienti.

 

Aumentano le vendite negli Stati Uniti rispetto all’anno precedente. Froneri continua a investire negli stabilimenti statunitensi per aumentare la capacità e migliorare l’efficienza: per questo ha commissionato dieci nuove linee. Ciò ha permesso all’azienda di innalzare sia la quota di mercato sia i livelli di servizio di oltre il 10% rispetto all’anno precedente. Il lancio di Oreo nel 2022 negli Stati Uniti e a Porto Rico continua a sovraperformare anche grazie a nuove referenze, in particolare nel segmento degli snack.