I premiati del World Cheese Awards

1
375

Dal Parmigiano Reggiano…

Al World Cheese Awards, svoltosi quest’anno a Bergamo, la giuria internazionale ha premiato quasi il 60% degli 86 caseifici della Nazionale del Parmigiano Reggiano in gara, assegnando a tale formaggio il record storico di 4 medaglie supergold  e di 110 riconoscimenti in totale (29 medaglie d’oro, 37 d’argento, 40 di bronzo). Il Parmigiano Reggiano è l’unico formaggio italiano tra i primi 16 finalisti tra i 3.804 iscritti. La vittoria assoluta, sfumata dopo il testa a testa tra il Parmigiano Reggiano 25 mesi della Latteria Santo Stefano di Parma e l’americano Blue Cheese di Rogue River. Entrambi hanno ottenuto il massimo dei voti dalla giuria nella finalissima (100 punti), ma il pari merito ha richiesto l’intervento del presidente – il conduttore della BBC Nigel Barden – che, dopo il secondo assaggio, ha premiato il formaggio artigianale americano.

Le Super Gold sono state vinte dal Caseificio Dismano di Modena, dalla Latteria Sociale Garfagnolo di Reggio Emilia, dalla Latteria Centro Rubbianino di Reggiano Emilia e dal Caseificio Santo Stefano di Parma – vincitore del secondo posto assoluto.

«La Nazionale del Parmigiano Reggiano – ha commentato da Bergamo Gabriele Arlotti, ideatore della Nazionale – per la prima volta ha presentato anche il Parmigiano Reggiano di oltre 40 mesi che ha riscosso numerosi premi. È una novità assoluta. In più siamo la Dop più premiata al mondo. Il grazie a tutti i caseifici che hanno creduto a questo progetto che, ora, consentirà di spuntare maggior valore. È stato davvero incredibile, dopo 31 anni, poter gareggiare davanti al pubblico italiano. Prossima sfida a Oviedo, Spagna dal 4 al 7 novembre 2020».

… ad Arrigoni Battista

L’azienda di Pagazzano (BG) si è aggiudicata due ori (l’erborinato BerghemBlu Riserva e Maggengo), due argenti (Gorgonzola DOP Piccante e Lucifero, l’erborinato con peperoncino) e due bronzi (BerghemBlu e Capriccio, formaggio molle a pasta fresca). Negli ultimi 9 anni il bottino vinto da Arrigoni Battista al World Cheese Awards ha raggiunto quota 26.

Il Fiorino a quota 9

Due medaglie d’oro, quattro d’argento e tre di bronzo. Questo il responso del WCA per il caseificio maremmano Il Fiorino: la Grotta del Fiorini e il Fior di ricotta di pura pecora hanno conquistato la medaglia d’oro, poker di medaglie d’argento con il Pecorino al tartufo stagionato, il Pecorino stagionato biologico, la Riserva del Fondatore e il Cacio di Caterina. Il Fior di natura semistagionato biologico con caglio vegetale, il Pecorino al tartufo e il Pecorino Toscano DOP si sono posizionati al terzo gradino del podio.

Tre nuove medaglie nella bacheca del Consorzio Virgilio

Il Consorzio Latterie Virgilio è stato insignito di 3 menzioni: la medaglia d’oro è stata assegnata per il Grana Padano Riserva prodotto dal Caseificio San Donato di Castellucchio (nove allevatori conferenti, 22.000 forme prodotte), che ha conquistato anche una medaglia di bronzo per il Grana Padano.

Un’altra medaglia di bronzo è stata attribuita al Grana Padano Riserva prodotto dal Virgilio al Caseificio San Silvestro di San Silvestro (10 allevatori conferenti, 30.000 forme di Grana Padano).

Sei riconoscimenti per il caseificio l’Antica Cascina

Tre ori e tre argenti: così chiude il WCA per il forlivese Caseificio L’Antica Cascina. Sul gradino più alto del podio sono andati il Formaggio di Fossa di Sogliano DOP (che ha vinto nella categoria dei formaggi duri DOP), il pecorino Cacio Faenum e il Canestrato di Pecora. Si sono dovuti accontentare dell’argento la Ricotta di Pecora e i pecorini affinati l’Alveare e l’Ulivo.

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here