Il Pecorino Romano mira a espandersi in Italia

0
105

Nella campagna 2019-2020 la produzione del Pecorino Romano DOP da immettere sul mercato ammonta a 285mila quintali.  Di questi, 110mila quintali saranno venduti negli Stati Uniti, 55mila in Europa, 4.500 in Canada, 2.500 in Giappone, 2.000 nel resto del mondo. Al commercio in Italia sono destinati circa 100mila quintali, oltre ai 15mila destinati ai bandi Agea per indigenti. “La campagna si è conclusa positivamente, la produzione è stata adeguata al fabbisogno del mercato senza che si siano generate eccedenze – ha commentato il presidente del consorzio di tutela, Gianni Maoddi.  – Questo significa che il sistema è in equilibrio, ed è un risultato fondamentale, i consumi e i prezzi di vendita in crescita lo dimostrano”.

I numeri più recenti

Nel primo trimestre della campagna di produzione 2020-2021 (che corrisponde all’ultimo trimestre dell’anno), la produzione ha fatto un balzo dell’81%. “È un dato che per il momento non ci spaventa, perché se in termini percentuali è alto, in quantità assolute rappresenta 10mila quintali in più, che in un mercato in equilibrio è una quantità gestibile”, spiega Maoddi. “Sono dati che vanno visti in prospettiva, vanno cioè spalmati sull’intera produzione dell’anno e non rispetto al singolo mese o trimestre – aggiunge il presidente. – L’incremento è dovuto prima di tutto alle condizioni climatiche: abbiamo avuto un autunno eccezionale, mite e piovoso. Mi risulta poi che il bestiame in diverse zone dell’isola è entrato in produzione in anticipo, con condizioni climatiche particolarmente favorevoli, ma sono convinto anche – come stanno dimostrando i numeri della prima metà di gennaio – che questo aumento si ridimensionerà parecchio. Anche perché – ricorda Maoddi – l’inizio anticipato della produzione presuppone anche una fine anticipata”.

Le conseguenze del lockdown

“Non dimentichiamoci poi del lockdown che ha stravolto tutto, non solo le nostre vite professionali: quando sono iniziate le chiusure di bar, ristoranti, pizzerie, il consumo dei formaggi freschi è letteralmente crollato. A quel punto – dice il presidente del consorzio – noi avevamo due strade: lasciare che il latte ovino destinato ai formaggi freschi andasse perduto oppure farcene carico e trasformarlo in Pecorino Romano. Abbiamo scelto questa seconda strada: abbiamo del tutto volontariamente attivato un meccanismo di solidarietà all’interno del comparto e ci siamo fatti carico del latte che altrimenti sarebbe andato perduto. Questo ha naturalmente contribuito all’incremento della produzione. Allo stesso tempo, la necessità di fare la spesa con meno frequenza possibile, ha indotto i consumatori a comprare prodotti stagionati e dunque è aumentata la vendita di Pecorino Romano nella grande distribuzione, dove è stata rilevata una forte attenzione da parte dei clienti nei confronti delle DOP, considerate garanzia di qualità”.

In ogni caso, secondo il presidente del consorzio “le giacenze di magazzino devono essere considerate una risorsa su cui poter contare per affrontare mercati diversi e sviluppare nuovi progetti: ovviamente, è fondamentale la programmazione finanziaria”.

La missione del 2021: conquistare il Belpaese

Nel 2021 il consorzio intende espandersi e consolidarsi sul mercato italiano. “Quest’anno vogliamo crescere a casa nostra, nel nostro Paese, per far scoprire ancora di più il nostro prodotto in tutte le sue caratteristiche e per aiutare l’economia nazionale dopo i danni dovuti alla pandemia”, sottolinea Maoddi. “Continueremo a curare i mercati esteri e a incrementarli, ma nei prossimi mesi l’Italia sarà l’obiettivo centrale. Il Pecorino Romano non è più solo un ingrediente o un prodotto da grattugia: grazie all’evoluzione degli ultimi anni, può vantare caratteristiche di prodotto da tavola eccellenti, ed è anche su questo che vogliamo puntare – conclude Maoddi – per conquistare nuovi palati fra aperitivi, antipasti e spuntini”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here