Ilpra scende l’utile 2023

67

I ricavi 2023 del player del packaging ammontano a 62 milioni di euro, +27,4% rispetto a 48,7 milioni nel 2022. Il margine operativo lordo ha raggiunto 13,9 milioni di euro, +14%, corrispondente a un EBITDA margin rispetto ai ricavi di vendita del 22,4%. L’utile netto si attesta a 6,5 milioni di euro mentre quello di pertinenza del gruppo a 4,9 milioni di euro (5,2 milioni nel 2022),

“Chiudiamo un altro anno con un trend in crescita, nonostante il 2023 non sia stato un anno particolarmente facile né per l’economia italiana, né per quella mondiale – ha commentato l’AD Maurizio Bertocco – a seguito del caro prezzi delle materie prime e dei ricambi, dell’inflazione, dell’incremento dei tassi bancari e della situazione geopolitica definita da “terza guerra mondiale frammentata”. Nonostante ciò, il gruppo si è rafforzato, è cresciuto, ha acquisito due partecipazioni strategiche, aperto una nuova filiale commerciale in Arabia Saudita e posto le condizioni per l’apertura di un’altra filiale in Corea del Sud”.

“Il gruppo ha sfruttato il periodo poco propizio, per strutturarsi maggiormente e presentarsi sul mercato ancora più solido e con una proposta commerciale e produttiva completa – ha aggiunto. – Nel 2024 continueremo la politica di M&A iniziata con la quotazione e di crescita interna, senza tralasciare la strutturazione e l’integrazione delle controllate. I risultati eccellenti dell’esercizio ci consentono di confermare per il quarto anno consecutivo la distribuzione del dividendo”.

L’indebitamento finanziario netto è cash negative per 15,5 milioni di euro a causa degli investimenti effettuati nel corso dell’esercizio: le due operazioni di M&A per un valore di 7,7 milioni, l’incremento dello stock per 5,7 milioni e l’applicazione del metodo finanziario che impatta per 4 milioni.

Fonte: Teleborsa