In ottica Brexit la Svizzera sigla accordo commerciale con UK

0
56

In base all’accordo commerciale bilaterale sottoscritto lunedì da Svizzera e Regno Unito, i diritti e gli obblighi economici e commerciali derivanti dagli accordi elvetici con l’Unione europea (UE) resteranno in vigore tra i due Paesi contraenti. Questo nuovo accordo si prefigge di porre le basi per il proseguimento di buone relazioni bilaterali con gli inglesi anche dopo la Brexit. L’accordo riproduce gran parte degli accordi commerciali stipulati con l’UE e che attualmente disciplinano le relazioni tra Svizzera e Regno Unito: l’accordo di libero scambio del 1972, l’accordo sui mercati pubblici, l’accordo sulla lotta alla frode, una parte dell’accordo sul reciproco riconoscimento in materia di valutazione della conformità e l’accordo agricolo del 1999. Alcuni accordi tra Svizzera e UE si basano sull’armonizzazione o il riconoscimento dell’equivalenza delle norme bilaterali (p. es. l’accordo del 2009 sulla facilitazione e la sicurezza doganali, alcuni settori dell’accordo agricolo – tra cui l’allegato che costituisce il cosiddetto «accordo veterinario» – e alcune parti dell’accordo sul reciproco riconoscimento in materia di valutazione della conformità) e in questa fase non possono essere riprodotti interamente. Nell’occasione della nuova stipula, Svizzera, Regno Unito e Principato del Liechtenstein hanno sottoscritto un accordo aggiuntivo per includere il territorio del Liechtenstein nel campo d’applicazione delle disposizioni pertinenti dell’accordo commerciale, in virtù dell’unione doganale vigente tra Svizzera e Liechtenstein.

I nuovi accordi entreranno in vigore quando quelli tra Svizzera e UE non varranno più per le relazioni tra Svizzera e Regno Unito. Se la fase di transizione prevista per l’uscita britannica dall’UE iniziasse il 30 marzo 2019, gli accordi bilaterali tra Svizzera e UE rimarrebbero applicabili anche alle relazioni tra Svizzera e Regno Unito. In quel caso gli accordi servirebbero come base per le relazioni economiche e commerciali tra Svizzera e Regno Unito dopo la fine della fase transitoria. Diversamente, se il Regno Unito lasciasse l’UE il 29 marzo senza raggiungere un’intesa, l’accordo verrebbe applicato a titolo provvisorio dal 30 marzo.

Nel dicembre del 2018 il Consiglio federale ha anche approvato un accordo con il Regno Unito inerente ai diritti dei cittadini.

Alcuni dati

Nel 2017 il mercato inglese è stato il sesto per le esportazioni svizzere (11,4 miliardi di franchi) e l’ottavo di provenienza delle importazioni nel Paese elvetico (6 miliardi di franchi). Al di fuori dell’UE, la Svizzera è il quinto partner di esportazione del Regno Unito (dopo Stati Uniti, Cina, Hong Kong ed Emirati arabi uniti). Nel 2017 gli investimenti diretti svizzeri nel Regno Unito ammontavano a 54 miliardi di franchi: in ordine d’importanza si tratta del quinto Paese destinatario di investimenti diretti svizzeri. Il valore degli investimenti diretti britannici in Svizzera era invece di 60 miliardi di franchi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here