La francese Synext acquisisce il 75% di Dima

0
323

Il gruppo francese Synext ha perfezionato l’acquisizione del 75% di Dima. L’operazione rientra in un progetto industriale di specializzazione nel settore delle tecnologie lattiero-casearie mirato a rafforzare la crescita dell’azienda modenese. Il 25% del capitale e la gestione dell’azienda modenese rimarranno nelle mani della famiglia Aldrovandi.

“Pensare che la propria creatura possa crescere ancora di più, entrando a far parte di un gruppo che ha alla base un forte progetto industriale, è stato il motivo che ci ha spinto a intraprendere questo percorso comune con il gruppo Synext. Non vediamo l’ora di concretizzare questa alleanza e di servire i nostri clienti fornendo loro delle soluzioni produttive innovative e ancora più complete nel settore delle tecnologie lattiero-casearie”, rimarca Claudio Aldrovandi, fondatore e attuale amministratore delegato di Dima.

Azienda attiva dal 1983 nello sviluppo, progettazione, costruzione e vendita di impianti industriali del settore caseario (nello specifico macchinari per la produzione di tutti i tipi di formaggi a pasta filata come mozzarella, pizza-cheese, string-cheese, provolone, scamorza, caciocavallo ma anche ricotta), Dima ha sede a Modena.

Dima, con un fatturato di 10 milioni di euro, conta oggi una cinquantina di dipendenti ed esporta oltre il 90% della sua produzione in oltre 80 Paesi. Nella prossima primavera-estate cominceranno i lavori di ampliamento del suo stabilimento.

Il gruppo francese Synext è specializzato nella produzione di macchine per la produzione sia di formaggi (a pasta dura come Comté, Beaufort e a pasta molle come Brie, formaggi erborinati, Feta) sia di burro, a marchio Tecnal, Simons Frères e Chalon Megard.