L’EFSA darà un parere sul consumo di zuccheri aggiunti agli alimenti

0
736

L’EFSA fornirà consulenza scientifica sul consumo quotidiano di zuccheri aggiunti agli alimenti entro l’inizio del 2020. L’Autorità intende stabilire un valore-limite su base scientifica per l’esposizione quotidiana agli zuccheri aggiunti di qualsiasi provenienza, che non sia associato a effetti negativi sulla salute. Lo studio verrà eseguito in esito a una richiesta avanzata da Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia.

Gli zuccheri aggiunti, di qualsiasi provenienza, comprendono saccarosio, fruttosio, glucosio, idrolizzati di amido come sciroppo di glucosio, sciroppo ad alto contenuto di fruttosio, e altre preparazioni zuccherine consumate da sole o aggiunte nel corso della preparazione e produzione degli alimenti.

Gli effetti nocivi sulla salute da considerare riguarderanno: peso corporeo; intolleranza al glucosio e sensibilità all’insulina; diabete di tipo 2; fattori di rischio cardiovascolare; e carie dentale. Nella valutazione l’EFSA studierà la popolazione sana in generale, compresi bambini, adolescenti, adulti e anziani.

Il parere sarà di riferimento per gli Stati membri nello stabilire raccomandazioni per il consumo di zuccheri aggiunti e nel predisporre linee guida per una sana alimentazione basate sugli alimenti.

La Svezia coordina la richiesta di parere all’EFSA a nome dei cinque Paesi nordici.

Prossime tappe

L’EFSA istituirà un apposito gruppo di lavoro specializzato in esposizione alimentare, epidemiologia, nutrizione umana, malattie croniche legate all’alimentazione e odontoiatria. I cinque Paesi nordici che hanno sollecitato il mandato saranno invitati a partecipare al gruppo di lavoro come osservatori.

Per sviluppare il protocollo circa le modalità di esecuzione della valutazione scientifica, l’EFSA utilizzerà una sua consolidata metodologia nota come Prometheus – PROmuovere METodi per l’uso delle evidenze nelle valutazioni scientifiche. Tale metodologia specifica come l’EFSA seleziona le evidenze, come tali evidenze contribuiscono alla valutazione del rischio e come l’EFSA documenta l’intero processo e i suoi risultati.

In linea con il proprio impegno all’apertura e trasparenza, l’EFSA coinvolgerà i portatori di interesse durante l’intero processo di valutazione. Indirà due consultazioni pubbliche, sollecitando commenti sulla bozza di protocollo nella prima metà del 2018 e sulla bozza di parere alla fine del 2019, e organizzando anche un incontro con i portatori di interesse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here