Nuovo regolamento UE sulle macchine: prosegue l’iter

484

 

La Commissione ha accolto con favore l’accordo politico raggiunto dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione europea sul nuovo regolamento macchine. Sottopone a revisione la vigente direttiva macchine e mira ad adattare le norme per affrontare i rischi emergenti e le sfide poste dalle nuove tecnologie ai macchinari, garantendone l’impiego in sicurezza.

Il regolamento riguarda i macchinari destinati ai consumatori, quelli industriali, inclusi quelli molto digitalizzati come robot o la produzione di stampanti 3D. Le nuove norme rafforzeranno la fiducia dei cittadini nella generazione futura delle macchine, promuoveranno l’innovazione e rafforzeranno la competitività del settore nel mercato unico e mondiale.

I punti chiave

Il nuovo regolamento macchine ambisce a:

  • Garantire la sicurezza delle macchine e aumentare la fiducia degli utenti nelle nuove tecnologie. I fabbricanti dovranno garantire che i dispositivi rispettino pienamente i requisiti essenziali di salute e sicurezza stabiliti dal regolamento. Sei categorie di macchinari saranno soggette a certificazione obbligatoria di parte terza. Le norme introducono nuovi requisiti di sicurezza per le macchine autonome, la collaborazione uomo-macchina e, per la prima volta, l’uso sicuro dei sistemi di Intelligenza Artificiale nei macchinari. Per dimostrare la conformità ai requisiti legali, i produttori possono continuare a basarsi su diverse norme armonizzate, continuamente aggiornate in base allo sviluppo tecnico, promuovendo l’innovazione e la competitività del settore.
  • Ridurre gli oneri amministrativi e i costi per i costruttori. Le norme introducono semplificazioni amministrative come permettere il manuale dell’uso in formato digitale. Questo permetterà risparmi fino a 16,6 miliardi di euro all’anno. Le nuove regole prevedono un adeguamento tariffario della valutazione di conformità alle esigenze delle PMI, che rappresentano il 98% del settore dei macchinari. Inoltre, le nuove regole migliorano la coerenza con i vigenti regolamenti sull’intelligenza artificiale e sulla resilienza informatica.
  • Promuovere la certezza del diritto. Il nuovo regolamento stabilisce regole chiare e proporzionate, che saranno applicate uniformemente in tutta l’UE, aumentando la certezza del diritto per i produttori. Fornisce chiarimenti su campo di applicazione, definizioni, requisiti essenziali e procedure di valutazione di conformità. Il testo finale chiarisce ulteriormente la nozione di modifica sostanziale dei prodotti.
  • Istituire una sorveglianza del mercato più efficace. Le nuove norme allineano le misure di salvaguardia nei confronti dei macchinari non conformi a quelle già previste nel più ampio quadro legislativo UE sui prodotti.

Prossimi passi

Il Parlamento europeo e il Consiglio dovranno ora formalmente adottare il nuovo regolamento macchine. Esso entrerà in vigore il ventesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. Si applicherà 42 mesi dopo la data di entrata in vigore.