Tagatosio, un “nuovo” nutraceutico?

0
454

Il tagatosio o D-tagatosio è uno zucchero semplice (epimero C-4 del D-fruttosio) presente in tracce nel latte in polvere, formaggio, yogurt e in altri prodotti caseari. E secondo una recente rassegna pubblicata su Journal of Food Science, potrebbe essere un nutraceutico emergente grazie al suo basso potere calorico, alle sue proprietà antidiabetiche e ai positivi effetti che eserciterebbe sulla crescita di batteri benefici intestinali. Tale zucchero sta attirando l’attenzione dei ricercatori in ragione della sua capacità sia di migliorare alcune malattie (agisce come antidiabetico, nel controllo dell’obesità, come regolatore del metabolismo del sangue) sia di esercitare effetti benefici sulla salute (effetto anti-invecchiamento, antiossidante e prebiotico).

La ricerca ha dimostrato che il tagatosio è una molecola potenzialmente terapeutica in grado di abbassare i livelli ematici di glucosio nei pazienti sia sani sia diabetici. Il tagatosio è stato associato a un aumento della produzione di acidi grassi a catena corta nell’intestino crasso, a un incremento della popolazione di batteri benefici (lattobacilli) e a una ridotta popolazione di batteri patogeni nel tratto gastrointestinale. La terapia a lungo termine del diabete con il tagatosio causa una progressiva perdita di peso e riduce l’assunzione di cibo negli individui sani. Il tagatosio ha il potenziale per attenuare i danni cellulari causati dai radicali liberi intracellulari, ed è stato suggerito che la capacità antiossidante di tale zucchero sia da attribuire alla sua blanda attività chelante del ferro.

Comprendere la relazione struttura-funzionalità del tagatosio e identificare il profilo metabolico dei microrganismi bersaglio saranno importanti per determinare gli effetti sulla salute del tagatosio come prebiotico. Occorrono più dati in vivo, in particolare su animali ed umani, per scoprire la dose giornaliera di tagatosio come agente antidiabetico.

Bibliografia

Tagatose as a Potential Nutraceutical: Production, Properties, Biological Roles, and Applications, Sohini Roy  Jayaram Chikkerur  Sudhir Chandra Roy  Arindam Dhali  Atul Puroshtam Kolte Manpal Sridhar  Ashis Kumar Samanta

https://doi.org/10.1111/1750-3841.14358

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here