Impianto di cogenerazione: la soluzione ideale per il lattiero-caseario

APERTURA_ingresso cog al pastorizzatoreI gruppi di cogenerazione per la produzione combinata di energia termica ed elettrica possono consentire preziosi risparmi ai caseifici

Efficientamento energetico e sostenibilità ambientale. Queste le motivazioni che hanno spinto il caseificio “La Pagliara” di Caianello (Caserta) a rivolgersi a PVR per l’installazione di sistemi di efficientamento energetico prodotti da Viessmann, sinonimo di tecnologia di alto livello e punto di riferimento nel settore del riscaldamento.

La cogenerazione

Il caseificio è una classica azienda caratterizzata da contemporaneità di consumi termici ed elettrici; tutte queste considerazioni inducono quindi all’utilizzo di un impianto di cogenerazione.

Un impianto di cogenerazione è un impianto dove si utilizza un unico combustibile per produrre energia sia elettrica sia termica, risparmiando in questo modo energia primaria.

Dove applicabile, infatti, la cogenerazione è una soluzione intelligente perché aiuta le aziende (produce risparmi) e aiuta l’ambiente (riduce gli inquinanti). Non è da sottovalutare inoltre il meccanismo dei titoli di efficientamento energetico che sostanzialmente, al fine di incentivare la riduzione dell’emissione di agenti inquinanti in atmosfera, monetizza il risparmio di energia primaria con incentivi riconosciuti per 5 o 10 anni.

La cogenerazione si basa su un semplice principio: in un impianto dedicato all’esclusiva produzione di energia elettrica (come per il gruppo elettrogeno) solo una quota (compresa tra il 35% ed il 55% dell’energia primaria del combustibile) è convertita in energia elettrica. La restante viene invece dissipata come calore e ceduta all’ambiente. La cogenerazione permette di migliorare il rendimento di conversione dell’energia primaria attraverso il recupero del calore. Tale recupero, in termini di efficienza, porta ad aumentare il valore del rendimento globale del sistema, che si traduce in risparmio energetico (l’efficienza della cogenerazione può arrivare a soglie del 96%).

Questo sistema energetico si adatta perfettamente a quelle situazioni in cui il consumo di energia termica risulta essere preponderante rispetto al consumo di energia elettrica, oppure laddove il fabbisogno di energia termica sia abbastanza uniforme nell’arco dell’anno.

Fabbisogni termici del caseificio

Fabbisogni termici del caseificio

Il caso pratico

Per il caseificio “La Pagliara” è stata eseguita una stima dei consumi di energia termica ed elettrica, l’analisi di contemporaneità dei carichi e la verifica del processo di lavorazione del caseificio. Su questa base, la scelta è ricaduta su un cogeneratore Vitobloc 200 Tipo EM – 70/115 prodotto da Viessmann.

Gamma di cogeneratori Viessmann da 5,5 kWel/13,5 kWth a 401 kWel/549 kWth

Gamma di cogeneratori Viessmann da 6 kWel a 530 kWel

Il cogeneratore installato è in grado di produrre 70 kW di potenza elettrica e 115 kW di potenza termica, con possibilità di parzializzazione del carico dal 50,0% al 100,0% in maniera puntuale.

Il cogeneratore funziona a metano; l’ampia dotazione di serie consente di ridurre i tempi di progettazione, di montaggio e messa in funzione, con conseguente contenimento dei costi. È richiesta inoltre una manutenzione ridotta, grazie all’alimentazione automatica di olio lubrificante e all’elevata capacità del serbatoio – riduzione dei costi di funzionamento e dei tempi di inattività. L’energia elettrica è auto-consumata. In ogni caso la potenza elettrica attiva in gioco permette di accedere ai benefici dello “scambio sul posto”. Pertanto, in caso di assenza di prelievo da parte del caseificio, l’energia è immessa in rete per poi essere prelevata all’occorrenza.

L’energia termica è invece utilizzata nell’ambito del processo produttivo per pastorizzare, produrre acqua calda sanitaria, filare, preriscaldare l’acqua destinata ai generatori di vapore e riscaldare gli ambienti.

Inoltre per l’azienda è prevista la funzionalità di emergenza da gruppo elettrogeno alimentando i carichi privilegiati, dissipando eventualmente l’energia termica in eccesso tramite apposito drycooler.

Drycooler per isola

Drycooler per isola

Incentivi

I risparmi conseguiti grazie all’impianto di cogenerazione sono confermati e premiati dal meccanismo dei certificati bianchi; tale meccanismo mira al raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto, incentivando economicamente i soggetti volontari che, attraverso l’installazione e l’utilizzo di tecnologie altamente efficienti, generano risparmi di energia primaria.

Pertanto, assunta la fattibilità tecnica degli impianti di cogenerazione all’interno dei caseifici, è evidente il beneficio economico dell’applicazione caratterizzata da notevoli risparmi e da alti livelli di sostenibilità ambientale. Per queste realtà, quindi, la cogenerazione è una delle migliori strade da seguire.

Progetto: Laboratorio di produzione casearia “La Pagliara”
Project Manager: Ing. Gianpiero Cascone Committente: Caseificio “La Pagliara” – Via Ceraselle – Caianello (CE) Installatore: Tecnolat S.p.A. – PVR s.r.l. (tel./fax 081-3627767). Fornitore tecnologie: Viessmann Engineering s.r.l.,  info@viessmann.it, tel. 045-6768999  

 

Condividi quest’articolo
1 commento a questo articoloInvia il tuo
  1. nuovo stabilimento

Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151