Nutraceutica

Studio di lattobacilli probiotici ipocolesterolemizzanti

0
64

Scopo dello studio identificare e caratterizzare ceppi probiotici da grani di kefir per il loro potenziale utilizzo come probiotici ipocolesterolemizzanti in ratti. Due isolati, Lp09 e Lp45, ottenuti da grani di kefir e identificati come Lactobacillus plantarum (LAB) tramite metodi di tipizzazione molecolare, hanno esibito un’ottima tolleranza a bassi livelli di pH e alte concentrazioni di sali biliari presentando potenziale attività idrolitica e di deconiugazione sui sali biliari, oltre all’abilità di coprecipitare il colesterolo.

L’effetto potenziale di Lb. plantarum Lp09 e Lp45 sui livelli di colesterolo nel plasma è stato valutato in ratti Sprague-Dawley alimentati con differenti diete sperimentali: una ad alto contenuto di colesterolo, una ricca di colesterolo associata a Lb. plantarum Lp09 e infine una ad alto contenuto di colesterolo associata a Lb. plantarum per 4 sett. Il colesterolo totale, i trigliceridi e i livelli di colesterolo a bassa densità nel siero, nonché i livelli di colesterolo e trigliceridi nel fegato sono risultati significativamente diminuiti nei ratti trattati con i LAB rispetto ai ratti di controllo alimentati con la dieta ad alto contenuto di colesterolo senza LAB. Inoltre, sia il colesterolo fecale che i livelli di acidi biliari sono risultati significativamente aumentati dopo somministrazione di LAB. Non sono stati invece osservati cambiamenti significativi sui livelli di colesterolo ad alta densità.

Bibliografia

Y. Huang et al., Second Hospital of Jilin University (p. 2746-2753); Journal of Dairy Science, vol. 96, n. 5 (2013)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here