Consorzio Casera e Bitto: Marco Deghi è il nuovo presidente

635
Marco Deghi, nuovo presidente del Consorzio di Tutela dei formaggi Valtellina Casera e Bitto Dop

È Marco Deghi il nuovo presidente del Consorzio di Tutela dei formaggi Valtellina Casera e Bitto Dop (CTCB), eletto all’unanimità dal consiglio per il prossimo triennio.

Chi è
Classe 1956, laureato in Scienze Agrarie presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, agronomo, Deghi ha svolto tutto il percorso professionale nel settore lattiero-caseario. Dal 1991 e fino a pochi mesi fa ha ricoperto la carica di direttore della Latteria Sociale Valtellina di Delebio. Ha avuto un ruolo attivo nella costituzione del consorzio e nel riconoscimento a DOP del Bitto e del Valtellina Casera.

Tra gli obiettivi del suo mandato, la valorizzazione qualitativa delle due DOP, il rafforzamento della rete distributiva del Valtellina Casera, ma anche la promozione del territorio, in sinergia con gli operatori della Valle, in vista delle Olimpiadi invernali 2026 in Valtellina.

Le prossime azioni

“Ringrazio il presidente uscente Cornaggia per il servizio reso ai nostri soci in questi 12 anni – dichiara Deghi. – Grazie alla sua guida, il consorzio è cresciuto, arrivando a 165 soci e a rappresentare una filiera da almeno 17 milioni di euro di fatturato, a cui fanno riferimento 133 allevamenti, 13 caseifici e 16 stagionatori per il Valtellina Casera e a 54 alpeggi produttori e 10 stagionatori per il Bitto.

Per il futuro – continua Deghi – l’obiettivo è accelerare sulla valorizzazione di due Dop solide, che hanno saputo tenere nel tempo alta la qualità e la tradizione casearia della nostra Valle. Elementi centrali delle future azioni sul Valtellina Casera, che rappresenta l’85% del fatturato complessivo delle due DOP, saranno la programmazione della produzione, indispensabile per preservare la qualità e assicurare una maggiore remuneratività, ma anche potenziare i mercati di riferimento di questo formaggio, rafforzandone la presenza sui mercati tradizionali e ampliando la notorietà a mercati nuovi”.