Effetto di colture probiotiche sul profilo sensoriale della scamorza di pecora

1683

Scopo del lavoro valutare l’effetto dell’addizione di ceppi probiotici nella produzione di scamorza da latte di pecora sulla composizione e il profilo sensoriale del formaggio. Per definire il profilo sensoriale delle scamorze, è stato costruito un sistema di riferimento qualitativo e quantitativo per un formaggio a pasta filata. I formaggi denominati S-BB (Bifidobacterium longum e Bifidobacterium lactis 46 BB-12) e S-LA (Lactobacillus acidophilus LA-5) in funzione dei ceppi probiotici addizionati in fase di produzione, sono stati analizzati a 15 giorni di maturazione.

I risultati ottenuti hanno evidenziato contenuti percentuali in proteine e caseina superiori nei formaggi addizionati di bifidobatteri, con alte percentuali della frazione proteoso-peptone a conferma della maggior proteolisi condotta dagli enzimi associati ai ceppi B. longum e B. lactis. La tessitura e gli attributi d’aspetto sono risultati in grado di differenziare i formaggi addizionati di batteri probiotici dal prodotto di controllo non trattato. Lo studio ha consentito la definizione della composizione e delle proprietà sensoriali di scamorza da latte di pecora. Il vocabolario quantitativo specifico per l’analisi sensoriale e la struttura di riferimento per la formazione di assaggiatori esperti stabiliti anche in questo studio dovrebbero essere utilizzati a monitorare sistematicamente la qualità di questa nuova tipologia di formaggio di latte di pecora.

Bibliografia

M. Albenzio et al., Univ. di Foggia e Univ. della Basilicata (p. 2792-2800); Journal of Dairy Science, vol. 96, n. 5 (2013)