Griglie igieniche e sicure per la stagionatura casearia

333
Giovan Battista Chiodetti, titolare dell’omonimo caseificio, controlla la stagionatura dei suoi formaggi

Grazie a partner come IFT nella Tuscia viterbese Formaggi Chiodetti produce formaggi nel rispetto della tradizione con un occhio alla contemporaneità e alle nuove tecnologie.

La famiglia Chiodetti discende da pastori abruzzesi che conducevano le pecore in transumanza nella Tuscia viterbese, una terra poi diventata la sede definitiva del caseificio che oggi distribuisce i suoi formaggi in Italia e rifornisce anche molti ristoranti. Formaggi che sono il connubio tra ricerca e sperimentazione e tradizione casara del territorio. Dal 1969, infatti, Chiodetti trasforma latte fresco vaccino o ovino, a chilometro zero, proveniente da allevamenti selezionati in cui gli animali sono nutriti in modo naturale.

“Il gusto dei formaggi è unico perché nasce da metodologie antiche che negli anni abbiamo saputo migliorare grazie all’acquisizione di una maggiore conoscenza della tecnologia casearia vera e propria, quindi la microbiologia del latte, le attività degli enzimi e dei fermenti, il miglioramento del gusto e l’adozione di nuove tecnologie”, spiega Giovan Battista Chiodetti”, mastro casaro che alla fine degli anni Novanta ha preso la guida della produzione, sperimentando e ampliando la gamma a quaranta referenze. “I nostri sono oltre cinquant’anni di tradizione casearia. Una storia che mi ha accompagnato fin da bambino, che affonda le sue origini nella tradizione della pastorizia, fatta di passione, dedizione, impegno ma anche tanta innovazione e grande attenzione per il territorio”.

Tutte le griglie e le tavole di polipropilene sono realizzate da IFT con materie prime certificate. Idonee al contatto con gli alimenti, sono conformi alle normative UE e nazionali

Da Viterbo a Mantova

Il collegamento tra Mantova e Viterbo è quello che unisce Formaggi Chiodetti e IFT, azienda mantovana che con le sue griglie di polipropilene ha facilitato il lavoro di rivoltamento delle forme nel caseificio. “Noi produciamo cercando di diversificare il più possibile la gamma perché siamo un’azienda molto dinamica”, spiega Chiodetti. “Anche se rimaniamo legati alla tradizione, siamo sempre alla ricerca delle novità, del prodotto innovativo che però rispetti le nostre origini e la filiera, nel solco della qualità che ci contraddistingue”. Quelli del caseificio viterbese sono i prodotti tipici della tradizione italiana, nati dalla pluriennale esperienza della famiglia Chiodetti ma cresciuti grazie all’ampio spazio che Giovan Battista Chiodetti ha sempre dato alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie.

“Circa quindici anni fa abbiamo iniziato a sostituire le nostre tavole di stagionatura d’acciaio con le griglie di polipropilene IFT”, conferma Chiodetti. “Poi quando nel 2012 abbiamo realizzato i nuovi magazzini abbiamo deciso di allestirli completamente con questo materiale dalla durata eccezionale. Oltre all’ottimale rapporto qualità/prezzo, la manovrabilità e la facilità di rivoltamento delle forme sono le qualità che ci hanno convinti e continuano a convincerci. Gli operatori possono rivoltare le forme senza fatica, con conseguente riduzione degli infortuni sul lavoro. Tanto che l’Inail ci ha riconosciuto il contributo destinato alle aziende che investono in sicurezza sul lavoro. La considero una collaborazione felice, quella con IFT, che ha migliorato anche la gestione del formaggio nelle celle di stagionatura. Grazie all’adozione delle griglie IFT le nostre forme di formaggio risultano arieggiate in maniera eccellente, a vantaggio della qualità finale. La mia esperienza con le griglie IFT mi consente di consigliarle agli operatori del settore anche per la loro capacità di garantire l’igiene”.

“Il nostro obiettivo è ancora oggi quello di mantenere la tradizione e la qualità, con uno sguardo attento al futuro”, conclude Chiodetti. “E le griglie IFT sono un aiuto indispensabile perché ci permettono di stagionare in modo sicuro e igienico, in quanto lavabili e sanificabili in modo semplice e veloce”.

I nuovi magazzini di Formaggi Chiodetti a Civita Castellana (Viterbo), completamente allestiti con le griglie impilabili di polipropilene IFT

Le griglie dove riposa il formaggio

Da circa quindici anni IFT soddisfa le esigenze di immagazzinaggio e stagionatura del caseificio Chiodetti, migliorandone la produttività nel rispetto delle norme igienico-sanitarie. Grazie alla sua lunga esperienza nel settore, l’azienda mantovana può proporre le sue tecnologie ai caseifici che rispettano le più rigide normative in termini di sicurezza e igienicità dei materiali a contatto, consentendo ai clienti la standardizzazione della qualità (formaggi di prima scelta), la soluzione dei problemi causati da muffe indesiderate, la riduzione del numero dei rivoltamenti delle forme (il formaggio respira anche da sotto grazie alle particolari forature e grigliature), diminuzione dei tempi di lavaggio e asciugatura delle attrezzature.

Per andare incontro alle aspettative di clienti esigenti come Chiodetti, IFT realizza un’ampia gamma di attrezzature plastiche tra cui tavole grigliate e forate o griglie impilabili per la stagionatura. Tra i prodotti più apprezzati dagli operatori del settore caseario spicca la griglia impilabile di polipropilene alimentare a norme CE, facile da usare, igienica, leggera e molto robusta. “È una valida alternativa alle similari griglie d’acciaio inox”, spiega Sebastiano Speziali, amministratore e direttore generale IFT, “che sono certamente valide ma molto più delicate, con tendenza al deterioramento dopo qualche anno. Le nostre griglie di polipropilene, invece, mantengono sì le stesse caratteristiche concettuali e applicative delle griglie inox, ma offrono un grande vantaggio. Essendo stampate a iniezione in un unico pezzo, non hanno punti di saldatura, quindi sono lavabili in ogni punto con le idropulitrici, nei tunnel di lavaggio e anche nelle lavastampi. Tutto ciò permette di stagionare in modo pulito e igienico, ricavando un prodotto di alta qualità grazie alla speciale foratura delle tavole che lascia traspirare il formaggio anche da sotto.