La FDA estende l’uso dei sostituti del sale per ridurre l’assunzione di sodio

361

 

L’americana Food and Drug Administration ha proposto modifiche agli standard di identità (SOI) degli alimenti che contengono sale (cloruro di sodio) per consentire l’uso di sostituti del sale sicuri e adatti. La norma proposta è “Use of Salt Substitutes to Reduce the Sodium Content in Standardized Foods”. Essa contribuirebbe a sostenere un’alimentazione più sana, agevolando l’innovazione nella produzione industriale di alimenti standardizzati al fine di ridurre il contenuto di sodio, nello stesso modo in cui già avviene per gli alimenti non standardizzati.

Gli alimenti interessati

I SOI in genere descrivono quali ingredienti deve contenere un determinato alimento e quali gli ingredienti facoltativi. Alcuni SOI prescrivono anche un metodo di produzione o formulazione. Ne esistono più di 250 e disciplinano alimenti come latte, cioccolato al latte, pane, formaggi e ketchup. Gli alimenti per i quali esistono i SOI sono spesso indicati come alimenti standardizzati.

La maggior parte dei SOI attualmente non consente l’uso di sostituti del sale. Attraverso un approccio “orizzontale” la norma proposta vorrebbe aggiornare più SOI e si applicherebbe a diversi alimenti e categorie alimentari. Nello specifico, modificherebbe direttamente gli 80 SOI che prevedono il sale come ingrediente obbligatorio o facoltativo. Poiché questi 80 SOI sono citati in altri SOI, sarebbero in totale 140 i SOI interessati dalla modifica. Attualmente solo 3 SOI permettono specificatamente l’uso di un sostituto del sale e due riguardano l’ambito caseario (SOI for low sodium cheddar cheese (§ 133.116) and low sodium colby cheese (§ 133.121)).

I sostituti del sale ammessi

La norma proposta non elenca i sostituti del sale consentiti, ma li definisce come ingredienti sicuri e idonei (o una combinazione di ingredienti) utilizzati per sostituire parte o tutto il sale in un alimento standardizzato. La misura in cui il sale può essere rimpiazzato dipende dalla capacità dei sostituti del sale di sostituire le funzioni che il sale esplica negli alimenti, senza comprometterne la sicurezza o altre caratteristiche fondamentali. I sostituti del sale sono soggetti agli stessi requisiti di etichettatura degli altri ingredienti e negli USA sono attualmente utilizzati negli alimenti non standardizzati.

 

Se finalizzata, la norma proposta potrebbe aiutare i produttori a raggiungere gli obiettivi volontari di riduzione del sodio fissati dalla FDA.