Latterie Vicentine: approvati il bilancio 2021 e gli obiettivi 2022

0
108
Un momento dei lavori dell’assemblea

L’assemblea generale dei soci di Latterie Vicentine ha appena approvato il bilancio consuntivo dell’esercizio 2021 e nominato il consiglio di amministrazione.

I numeri del 2021

Oltre 1 milione di hL di latte lavorato. Formaggi prodotti: circa 71.000 forme di Asiago Stagionato Dop e circa 416.000 di Asiago Fresco Dop, oltre 80.000 forme di Grana Padano. Il fatturato 2021 si aggira attorno a 80.868.160 milioni di euro (+7,53% sul 2020). Questi i dati presentati in assemblea dai vertici di Latterie Vicentine.

Il presidente Mocellin ha espresso moderata soddisfazione per il dividendo destinato ai soci della cooperativa che, nonostante le difficoltà del 2021, si assesta sopra la media di mercato pagato dall’industria.

“Premiare l’impegno e la fiducia dei nostri soci è il principale obiettivo di Latterie Vicentine. Abbiamo chiuso il 2021 a 0,44 centesimi al litro di latte. Nonostante le dinamiche incerte dei mercati mondiali, – ha spiegato Mocellin – siamo riusciti a ottenere risultati soddisfacenti e il merito è di una squadra che lavora tanto e lavora bene, a partire dal direttore generale Piero Cerato. Ci siamo impegnati molto per risolvere nel più breve tempo possibile i problemi che avevano condizionato il risultato del 2020”.

L’obiettivo dell’anno in corso è migliorare i risultati ottenuti nel 2021 per salvaguardare la redditività delle aziende agricole associate, pesantemente influenzata dall’attuale conflitto in Ucraina, ben consapevoli dell’importante aumento del costo delle materie prime.

Iniziative in corso

Il piano di investimenti in ricerca e sviluppo iniziato dalla cooperativa negli anni scorsi continua a ottenere i risultati auspicati. Nel corso del 2022 è in programma il potenziamento del centro di confezionamento nel quale sono già attive due linee per il taglio del formaggio a peso fisso e variabile e una nuova linea per il confezionamento sottovuoto. Si tratta di un impianto dotato di tecnologie innovative che garantisce elevati standard igienico sanitari e mantiene integre le caratteristiche e la freschezza del formaggio: diventerà centrale al fine di ottimizzare i cicli produttivi.

La qualità dei prodotti sarà ulteriormente migliorata: sono ormai conclusi i lavori di ammodernamento degli impianti produttivi del Grana Padano, a Bassano del Grappa (VI), e la sostituzione dei sistemi di condizionamento dei magazzini di stagionatura nell’ottica della sostenibilità e del risparmio energetico.

Diversificazione di prodotto

Tra i prodotti di punta della cooperativa, il formaggio “Brenta selezione Oro” ottiene consensi di rilievo internazionale. I recenti premi vinti – la medaglia d’oro ai World Cheese Awards 2021 all’International Cheese Festival di Oviedo (Spagna) e le 3 stelle assegnate dall’ International Taste Institute di Bruxelles a inizio 2022 e il meritato inserimento alla finale dell’Italian Cheese Awards del 2022- confermano la bontà dell’attuale strategia di “diversificazione” del prodotto, che vede schierati anche altre eccellenze casearie di nicchia come il 7 Malghe, prodotto con il latte raccolto in malga e l’Asiago DOP Fresco Solo Latte di Vacca Bruna.

Anche l’ambizioso progetto “Parmareggio – Agriform” ora diventato Caseifici Granterre, che ha visto l’aggregazione della veneta Agriform – cooperativa di secondo grado di cui Latterie Vicentine è uno dei soci di maggioranza – con il leader emiliano nel Parmigiano Reggiano, ha generato ricadute molto positive. Spiega, infatti, il direttore generale Piero Cerato: “A distanza di un anno e mezzo, possiamo definire ‘l’operazione Parmareggio’ un successo. Le nuove opportunità commerciali nate da questa unione confermano la bontà della scelta e garantiscono una maggiore solidità a Latterie Vicentine. Parmareggio – Agriform rappresenta oggi la più grande azienda italiana di formaggi DOP con oltre duemila allevatori, una ventina di caseifici e numerose reti commerciali.

I punti vendita

Il fatturato degli spacci aziendali supera i 2,5 mln di euro. A oggi sono 7 i punti vendita a marchio: due a Bassano del Grappa, uno a Cittadella, Vicenza, Schio, Bressanvido e l’ultimo, inaugurato a giugno 2021, a Montecchio Maggiore.

“Crediamo molto negli spacci – aggiunge Riccardo Cendron, responsabile commerciale della cooperativa. – I numeri in leggera flessione rispetto allo scorso anno sono dovuti a una generale contrazione dei consumi e alla elevata controcifra del 2020 dovuta all’impatto del Covid. Vogliamo continuare ad investire in questo progetto: sono stati introdotti servizi molto apprezzati dai clienti come la consegna a domicilio e la prenotazione online della spesa.

Inoltre, è probabile nei prossimi mesi un’altra apertura che oltre a rispondere alle esigenze di qualità e fiducia delle famiglie, genera occupazione e un impatto positivo sul territorio.”

La composizione del nuovo Consiglio di Amministrazione
Cortese Maurizio, Cogo Roberto, Fontana Angelo, Mocellin Alessandro, Battistella Adriano, Gallio Daniele, Pagiusco Francesco, Peron Flavio, Dal Martello Vincenzo, De Boni Norberto, Marchioron Matteo, Secondin Sergio, Bagattin Davide, Benvegnù Roberto, Guarda Renato, Pinton Davide, Ballarin Alfredo, Bortoli Luca e Marchetti Alberto. Nella prima convocazione il nuovo CdA designerà il presidente per il prossimo triennio della cooperativa.