Procrastinate di un anno le nuove regole sul biologico

0
103

Giovedì, il Parlamento UE ha approvato la richiesta di ritardare di un anno l’applicabilità della nuova legge comunitaria sul biologico prevista per il 1° gennaio 2021.

Motivando la sua richiesta al Parlamento, la Commissione ha citato gli effetti della pandemia sugli Stati membri e sul settore biologico. Gli operatori biologici, infatti, hanno dovuto concentrarsi sulla prosecuzione della produzione biologica e dei flussi commerciali, invece di prepararsi all’entrata in vigore del nuovo quadro legislativo. Il posticipo della data a partire dalla quale si applicano le nuove regole si è quindi reso necessario, per garantire che il settore biologico continui a funzionare senza intoppi, evitando al contempo interruzioni nell’approvvigionamento del mercato. Tutto rimandato dunque al 1° gennaio 2022.

Il contesto

Il Parlamento ha approvato la nuova legge comunitaria sul biologico nell’aprile 2018. Le nuove regole, in vigore da giugno 2018 e applicabili da gennaio 2021, dovrebbero aumentare la produzione biologica e garantire che nell’UE vengano venduti solo alimenti biologici di qualità.

Ma per essere operativa la nuova legge deve essere sostenuta dal diritto derivato. A causa dei ritardi nella predisposizione degli atti delegati e di esecuzione, causati dallo scoppio della pandemia COVID-19, il presidente della commissione per l’agricoltura Lins ha chiesto al commissario Wojciechowski a maggio di rinviare l’applicazione della nuova legge sul biologico fino a gennaio 2022.

Ottenuta l’approvazione del Parlamento, la proposta della Commissione deve essere approvata dal Consiglio per entrare in vigore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here