FrieslandCampina per un packaging più sostenibile

Bio-based-packaging

Berndt Kodden consegna il primo imballo da fonti naturali a Jacqueline Cramer

FrieslandCampina ha intenzione di adottare un nuovo poliaccoppiato da fonti naturali entro il prossimo anno e mezzo, a iniziare dal latte fresco e latticello a marchio Campina il cui restyling avverrà a giugno 2015. Per la produzione del tappo e per il coating è stato acquistato un materiale di scarto biologico certificato. Il cartone del poliaccoppiato era già rinnovabile e questa innovazione rende l’imballo più sostenibile che mai. L’impronta di CO2 della nuova confezione è inferiore del 20% rispetto a quella attuale. Si tratta di una novità per il mercato olandese.
In occasione della presentazione del progetto, Berndt Kodden, amministratore delegato di FrieslandCampina Netherlands, ha consegnato il primo poliaccoppiato da fonti naturali a Jacqueline Cramer, docente di Innovazione Sostenibile presso l’Università di Utrecht e l’ambasciatrice di Economia Circolare dell’Area metropolitana di Amsterdam.
Il polietilene bio-based è ottenuto da residui organici certificati. Una scelta consapevole di FrieslandCampina e Elopak per trovare un’applicazione utile ai flussi dei rifiuti.

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Latte © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151