Altra acquisizione per Granarolo: ora è il turno dell’americana Calabro Cheese

698
Uno dei fondatori di Calabro Cheese in una foto storica

Granarolo ha rilevato il 100% di Calabro Cheese Corp., società statunitense situata nel Connecticut, che produce e commercializza prodotti lattiero-caseari freschi, in particolare ricotta, mozzarella e burrata.

Nel 2020 il fatturato consolidato realizzato da Calabro Cheese Corp. è stato di circa 25 milioni di dollari, un risultato in linea con gli anni precedenti, nonostante gli effetti del Covid-19.

Calabro Cheese Corp. è nata nel 1953 come distributore di prodotti lattiero-caseari italiani su iniziativa di Joseph Calabro e di suo padre Salvatore. Dispone di un moderno stabilimento di produzione di oltre 5.000 metri quadrati e di una piattaforma distributiva che presidia le aree di New York, New England, New Jersey, del sud e dell’ovest degli Stati Uniti.

L’acquisizione di Calabro consentirà inoltre a Granarolo di costruire una piattaforma strategica per distribuire una vasta gamma di prodotti tipici e DOP dall’Italia e dunque anche di valorizzare una materia prima italiana, alla luce della stagnazione del mercato nazionale.

Strategia fondata sulla crescita organica

Per Granarolo le vendite all’estero nel 2020 hanno rappresentato il 33% del totale, in crescita anno su anno. L’azienda figura tra i principali player nell’export di prodotti dairy italiani nel mondo, con una crescita media della sua quota di 0,4 punti a volume, arrivando a rappresentare l’8,8% del totale diary italiano nel mondo. Gli Stati Uniti erano da tempo un Paese target ma la pandemia ha rallentato le operazioni di scouting e finalizzazione di un’acquisizione imprescindibile per riuscire a governare territori così vasti.

Il piano strategico 2021-2025 previde altre acquisizioni con focus su produttori dairy nei mercati strategici.

I commenti

“Il consolidamento di Granarolo negli Stati Uniti è un tassello importante della politica di crescita del gruppo all’estero – dichiara Gianpiero Calzolari, presidente di Granarolo S.p.A.- Il progetto è quello di replicare le positive performance raggiunte in altri mercati, come quello francese dove siamo cresciuti in modo significativo raggiungendo una quota a volume del 18,5% del totale diary italiano. Gli Stati Uniti saranno il Paese target del 2022. Abbiamo trovato una bella azienda, che lavora bene puntando alla qualità, con standard di alto livello e ben amministrata. Punteremo a rafforzare le produzioni, a far arrivare gli stagionati su una piattaforma distributiva ben rodata e a contribuire a far conoscere le nostre eccellenze sul mercato statunitense”.

 

“Rita Calabro ed io siamo lieti di annunciare che, dopo 68 anni di produzione e vendita di formaggi freschi di qualità, la nostra famiglia ha deciso di mettere Calabro Cheese nelle braccia di Granarolo, un’azienda italiana seria, con una lunga e storica tradizione nel settore lattiero-caseario sia in Europa sia fuori dal contesto europeo. Siamo convinti che il lavoro sinergico dei due team possa contribuire a far crescere il business negli Stati Uniti. Granarolo ha un ampio portafoglio di prodotti DOP di alta qualità fabbricati in Italia che andranno a completare l’offerta di formaggi freschi di Calabro negli Stati Uniti. Granarolo ha più volte dimostrato grande determinazione e capacità di innovazione, fattori vitali per chi vuole operare sul mercato americano. Vogliamo esprimere gratitudine e apprezzamento ai nostri fedeli clienti che hanno contribuito al nostro successo per quasi 7 decenni e siamo certi che questa acquisizione contribuirà anche nei prossimi anni a renderli clienti soddisfatti”, ha commentato Frank Angeloni, presidente di Calabro Cheese.