Bottiglia per il latte in plastica bianca r-PET per Parmalat

126
Stabilimento Lactalis Casalecchio, 24-01-2024

Parmalat (gruppo Lactalis) ha lanciato in Italia la prima bottiglia in R-PET bianco per latte UHT, confermando il suo impegno per un’economia sempre più circolare.

Il team di Ricerca & Sviluppo di Parmalat ha attivamente collaborato con la filiera del riciclo nel corso dell’ultimo anno, per migliorare l’intero processo arrivando a definire un flusso specifico dedicato alle bottiglie bianche per il latte, per ottenere PET riciclato con cui realizzarne di nuove. Con un contenuto pari al 50% di PET riciclato sarà possibile non immettere nel mercato l’equivalente di circa 150 milioni di nuove bottiglie all’anno e risparmiare così oltre 3.000 tonnellate di PET vergine.

Questo grazie alla collaborazione con Dentis Recycling Italy, operatore del mondo del riciclo, con cui l’azienda ha contribuito a sviluppare la prima filiera in Italia del riciclo per le bottiglie in PET bianco opaco.

Sensibilizzare sul corretto riciclo

Con il lancio della nuova bottiglia Parmalat dà inoltre il via a iniziative volte a sensibilizzare e orientare i consumatori al corretto riciclo delle bottiglie, al fine di ridurne lo spreco.

Per questo, le bottiglie di latte UHT ospiteranno un’etichetta speciale accompagnata da un QR code che fornirà le indicazioni di corretto riciclo.

Nei prossimi mesi verranno inoltre promossi laboratori sui temi del riciclo nelle scuole.

Il progetto di Parmalat nel contesto dell’impegno di Lactalis

Parmalat impiegherà i nuovi contenitori per il confezionamento di tutti i marchi del portafoglio come Zymil, con l’obiettivo che il 100% di bottiglie sia riciclabile entro il 2024.

Nel contesto dell’impegno del Gruppo Lactalis nella creazione di prodotti e packaging sempre più sostenibili e circolari, infatti, entro il 2033 tutti i packaging dovranno essere riciclabili.

Il gruppo punta anche a migliorare la circolarità, selezionando con attenzione i materiali e garantendone la corretta riciclabilità e la promozione di un percorso educativo rivolto ai consumatori sulla corretta gestione dei rifiuti è parte integrante della strategia. Inoltre, attraverso la collaborazione con l’intera catena del valore il gruppo ha accelerato la transizione verso modelli di riduzione delle emissioni di carbonio, con l’obiettivo del -25% di emissioni di scope 1 e 2 entro il 2025, il -50% al 2033 e il raggiungimento del carbon net-zero entro il 2050.