La qualità sostenibile

0
563

È nei generatori di vapore Mingazzini, studiati nei minimi dettagli adottando un principio ecologico che comprende tutto il processo

Ugo Mingazzini, vicepresidente del consiglio di amministrazione di Mingazzini

Sulle sfide sociali e ambientali da affrontare, Ugo Mingazzini, vicepresidente dell’omonima azienda di Parma, ha le idee molto chiare: “Energia e ambiente sono due punti di riferimento essenziali. Risparmio come nuova risorsa per le aziende è l’idea per ridurre i costi energetici dei clienti e liberare risorse da investire su fronti più strategici in un panorama così competitivo. Da sempre, ma oggi ancora di più in un contesto economico fragile e scosso dagli effetti della pandemia, ottimizzazione e riduzione dei costi equivalgono a una maggiore libertà di manovra sul mercato. Con la ripartenza e il progressivo ritorno alla normalità, le aziende stanno incrementando i cicli produttivi e con essi l’aggiornamento dei macchinari e delle dotazioni tecnologiche, anche in ottica Industry 4.0. Se l’aggiornamento del parco macchine è una necessità, lo è anche l’adozione di sistemi a basso consumo e a ridotto impatto ambientale, considerando i costi in crescita dell’energia e le normative ecofriendly. Gli impianti Mingazzini possono rientrare in progetti che possono godere del Credito d’imposta Transizione 4.0 per gli investimenti in beni strumentali, per esempio, ma anche il super e iperammortamento per l’acquisto di macchinari nuovi in chiave Industria 4.0 al pari degli investimenti in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0. Su tale versante negli ultimi anni abbiamo effettuato numerosi interventi lasciando un segno tangibile del nostro know-how in importanti realtà del settore produttivo”.

Quali sono le nuove tecnologie che promuovono la sostenibilità, in particolare nel suo settore?
Mingazzini risponde alle istanze del tessuto produttivo mondiale con sistemi sempre più evoluti e performanti nel rispetto per l’ambiente, concentrandosi sullo sviluppo di sistemi esclusivi di recupero energetico, flessibili e su misura, e di sistemi di combustione con progressiva riduzione delle emissioni in atmosfera. I generatori della serie PB a tre giri a fiamma passante coprono potenzialità da 2000 a 30.000 kg/h con pressioni di bollo da 12 a 25 bar. La serie PVR a inversione di fiamma potenzialità da 350 a 4000 kg/h con pressioni di bollo da 12 a 25 bar. Per entrambe le serie sono previste, a richiesta, pressioni più elevate. La gamma completa si compone di generatori di vapore a tubi da fumo, a recupero, di acqua surriscaldata a tubi da fumo, per acqua calda a tubi da fumo, di calore a olio diatermico, produttori indiretti di vapore pulito, degasatori atmosferici e in pressione con capacità fino a 60 m3 e con pressioni di bollo fino a 10 bar, collettori di vapore collaudati PED, blow down vessels, serbatoi per acqua di alimento, addolcitori, impianti a osmosi.

È importante combinare tecnologie emergenti con soluzioni consolidate?
Certamente. L’esperienza maturata sul campo e la tecnologia disponibile ci hanno permesso di predisporre interventi che hanno portato ai nostri clienti benefici importanti dal punto di vista operativo e di efficienza del controllo, evitando loro continui presidi nelle centrali termiche. Porre i generatori di vapore in rete e centralizzare gli impianti, con un monitoraggio costante di tutti i dati, garantisce il massimo risultato e la sicurezza. Grazie alla possibilità di connessione, è attuabile la supervisione completa della caldaia o della centrale termica per telecontrollo e telediagnosi da remoto senza supervisione continua per 24/72 h, a seconda dell’equipaggiamento del generatore. Centralizzando tutti gli impianti è possibile disporre sempre di tutti i dati: pressione, livelli, allarmi, consumi di gas metano, vapore, consentendo l’efficientamento anche in termini energetici.
L’interfaccia permette di monitorare i generatori di vapore ma anche di regolare ciascun impianto in base ai flussi produttivi e le necessità di performance giornaliere richieste, da un comune device come computer, cellulare, tablet, abbattendo sprechi e dissipazioni, consumi ed emissioni. Con la possibilità di tracciare i consumi specifici, cioè i chili di vapore prodotti per metro cubo di gas metano, realizzando uno storico sovrascrivibile nel tempo si possono verificare le prestazioni e analizzare eventuali scostamenti, realizzando quella manutenzione predittiva che impedisce fermi macchina inattesi. Si può parlare di una centrale veramente connessa, concretizzando il concetto di Industry 4.0 con una gestione molto virtuosa che va a vantaggio di tutto il sistema.

Riduzione delle emissioni di NOx e CO: quali sono le innovazioni dei vostri impianti?
Con l’abbinamento di bruciatori di nuova concezione Low NOx alle ampie camere di combustione dei nostri generatori si possono ottenere valori di NOx e CO che rispettano le più restringenti normative di emissione locali e internazionali. Associando sistemi esclusivi di recupero energetico, Mingazzini si posiziona come leader nella fornitura di generatori di vapore a elevata affidabilità, in grado di massimizzare il risparmio energetico, sempre nel rispetto dell’ambiente. Desidero menzionare anche i rendimenti: tutti i generatori di vapore della serie PB EU garantiscono un rendimento base del 90%, che con specifiche personalizzazioni possono essere anche ulteriormente incrementati, grazie a sistemi di recupero energetico customizzati, spingendo all’estremo la condensazione dei fumi di caldaia per recuperare quanto più possibile del calore latente contenuto, oltre a quello sensibile, arrivando fino al 99%. Conformi alla direttiva europea 2014/68/UE, gli esemplari della serie PB EU rappresentano l’ultima generazione nel campo dei generatori di vapore a tubi da fumo. Li abbiamo costruiti seguendo le più moderne concezioni tecnologiche, orientati al risparmio energetico, alla riduzione delle emissioni e alla massima efficienza.

Quali sono le modalità di progettazione che Mingazzini segue?
Sono oltre 10.000 i generatori industriali installati da Mingazzini nel corso della sua storia quasi secolare. Nella sede di Parma eseguiamo tutte le fasi di sviluppo del prodotto con l’utilizzo delle più moderne tecnologie. L’organizzazione flessibile e snella riduce sprechi e costi fissi, garantendo l’espressione di un made in Italy reale ad alto valore aggiunto. Gli impianti sono customizzati secondo le specifiche esigenze applicative, robusti e affidabili nel tempo, con un livello tecnologico che guarda al futuro.