Quantificare aflatossina M1 in latte e prodotti dairy

0
246

Determinazione efficiente ed economica dell’aflatossina M1 nel latte e derivati mediante nanomateriali di silice porosa bimodale come assorbenti

di Enric Pellicer-Castel et al. Department of Analytical Chemistry, Faculty of Chemistry, Universitat de València, Spagna (pp. 127421 ss.)

Gli autori di questo lavoro hanno messo a punto una procedura di estrazione per la determinazione dell’aflatossina M1 nel latte e nei prodotti lattiero-caseari. Come fase solida per la pulizia del campione è stato utilizzato un sorbente a base di silice mesoporosa UVM-7, mentre la determinazione dell’analita è stata eseguita mediante HPLC accoppiata a un rilevatore di fluorescenza. Dopo l’ottimizzazione dei parametri di estrazione, è stata valutata l’influenza della matrice, ottenendo recuperi nel range 78-105% per latte intero, latte scremato e yogurt. Il materiale è risultato riutilizzabile. Per quanto riguarda la sensibilità del metodo, il limite di quantificazione (LoQ) è risultato 0,015 μg/kg, ossia inferiore al limite fissato dalla legislazione europea. La procedura è stata applicata con successo alla determinazione dell’aflatossina M1 in campioni reali. I risultati sono stati confrontati con quelli ottenuti con un metodo di riferimento, con risultati statisticamente paragonabili.

Bibliografia
Food
Chemistry (15 dicembre 2020): 333. doi.org/10.1016/j.foodchem.2020.127421

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here