Valutazione della plasminolisi in latte alimentare

1417

Peptidi mirati per la valutazione quantitativa della plasminolisi della caseina nel latte al consumo

L’estensione della plasminolisi in differenti classi di latte al consumo è stata valutata durante la conservazione tramite quantificazione dei peptidi αs2-CN (f1–25) 4P e αs2-CN (f1–21) 4P per UPLC/HR-MS. La velocità dell’aumento dei livelli di tutti i peptidi studiati è risultata dipendere dal processo di riscaldamento. I campioni di latte hanno presentato livelli differenti di plasminolisi alla data di scadenza, come rilevato dalle quantità di αs2-CN (f1–25) 4P e αs2-CN (f1–21) 4P. I differenti trattamenti applicati durante la produzione di campioni di latte a lunga conservazione portano a differenti livelli di plasminolisi confermando l’eterogeneità di questa classe di latte alimentare. I peptidi dell’αs2-CN si sono accumulati più velocemente rispetto ai proteoso peptoni in tutti i campioni a eccezione del latte UHT. Questi peptidi, pertanto, possono essere considerati un indice sensibile di una plasminolisi anticipata in latte pastorizzato e a lunga conservazione.

di S. Cattaneo et al., Univ. degli Studi di Milano (p. 179-185, Food Chemistry, vol. 155, 15 luglio 2014