Basta latte adulterato

0
298
PerkinElmer DA 7350 On-line NIR permette l’analisi della produzione vicino ai siti di produzione

Panoramica sui requisiti analitici e le nuove tendenze per garantire la sicurezza nel segmento lattiero-caseario.

Dal 2008 il latte è sotto i riflettori, a cominciare dall’incidente dell’adulterazione con melamina, scoperto in Cina lo stesso anno, per arrivare alle tracce di sostanze chimiche nocive che le autorità indiane hanno smascherato su latte sfuso venduto nelle aree urbane del Punjab quest’anno. Le analisi sono necessarie, per prevenire questi rischi e salvaguardare la salute, ma anche per aiutare le aziende di trasformazione e le latterie a garantire la sicurezza delle materie prime e il giusto pagamento ai fornitori. Per approfondire l’argomento “analisi” abbiamo sentito Martin Casado, leader regionale PerkinElmer per il segmento lattiero-caseario.

Martin Casado, leader regionale PerkinElmer per il segmento lattiero-caseario

Le analisi nel settore lattiero-caseario servono solo ai fini della sicurezza?

Il latte è un ingrediente base per molti popoli ed è contenuto in molti prodotti che mangiamo ogni giorno. Sebbene la sua sicurezza abbia attirato l’attenzione delle autorità e dei consumatori a causa di incidenti, sono necessarie anche analisi di composizione per testare il latte prima che entri nella catena di approvvigionamento. Il valore nutritivo del latte è elevato per l’equilibrio dei nutrienti che lo compongono. La composizione varia tra specie animali e razze all’interno della stessa specie, ma anche da un caseificio all’altro in base a periodo di allattamento e dieta. Monitorare la composizione del latte fornisce anche informazioni sulla salute generale della mandria, consentendo agli allevatori di migliorare composizione e produzione totale. Si può fare analizzando il latte raccolto per specifici indicatori di salute, come il conteggio delle cellule somatiche e gli acidi grassi non esterificati nel latte. La composizione del latte ha anche un impatto diretto sul suo valore commerciale.

Come si misura la composizione del latte?

Molte associazioni, tra cui AOAC e IDF, hanno identificato metodi ufficiali per l’analisi consentendo alle aziende lattiero-casearie di determinare la qualità del latte in entrata ai fini dei prezzi. Il metodo Kjeldahl è il più noto per la misurazione delle proteine, sebbene sia manuale e richieda l’uso di sostanze chimiche tossiche. Ma tecnologie come FT-IR (Fourier-Transform Infrared Spectroscopy) o Mid-IR sono alternative efficienti. Il sistema PerkinElmer LactoScope utilizza la tecnologia mid-IR brevettata e segue metodi approvati da AOAC e IDF per l’analisi di grasso e proteine nel latte. Il sistema determina anche altri parametri, tra cui lattosio, solidi totali, solidi non grassi (SNF) e acqua aggiunta, che possono aiutare a prevenire prodotti adulterati. Incorpora la più recente tecnologia a infrarossi medi (MIR) per un tempo di misurazione di 30-45 secondi con precisione tipica inferiore all’1% CV. La costruzione modulare dello strumento riduce al minimo le vibrazioni del banco FT-IR e il suo design consente un uso efficiente dello spazio del laboratorio.

PerkinElmer LactoScope FT-B Milk Analyzer segue metodi approvati da AOAC e IDF per l’analisi di grasso e proteine nel latte

Quali sono le soluzioni che supportano i trasformatori sul campo?

Sappiamo che i trasformatori di prodotti lattiero-caseari hanno spesso bisogno di controllare la produzione a limiti molto stretti, riducendo la preparazione dei campioni che richiede tempo. Per questo, PerkinElmer DA 7250TM SD At-line NIR, DA 7300TM In-line NIR e DA 7440TM On-line NIR sono progettati per l’analisi vicino ai siti di produzione e facilitare i processi di trading e QA/QC. DA 7300 In-line NIR può essere integrato nei sistemi di controllo del processo per la regolazione automatica o manuale. Mentre DA 7440 In-line NIR offre analisi in tempo reale su un nastro trasportatore in movimento.

L’industria alimentare ha sempre l’esigenza di effettuare screening in loco?

Disporre di metodi di screening rapidi nei siti di produzione può aiutare a identificare in modo tempestivo potenziali incidenti di sicurezza alimentare. Per il rilevamento rapido di un’ampia gamma di antibiotici nel latte vaccino crudo mescolato, per esempio, PerkinElmer propone le strisce reattive a flusso laterale AuroFlowTM, che rilevano 14 antibiotici beta-lattamici, le tre principali tetracicline e 11 principali sulfamidici pari o inferiore al massimo UE (EU 37/2010) e Codex limiti di residui (MRL). I kit combinati consentono di rilevare simultaneamente diverse classi di residui di antibiotici, con efficacia a temperatura ambiente e latte freddo.

Importante è anche monitorare le aflatossine. L’aflatossina M1 è un metabolita dell’aflatossina B1 che si trova comunemente nei prodotti lattiero-caseari. La sua presenza si verifica quando i bovini da latte ingeriscono mangimi contaminati da aflatossina B1. Poiché B1 e M1 sono cancerogene per l’uomo, il livello di azione di 0,5 parti per miliardo di aflatossina M1 nel latte è rigorosamente applicato dalla Food and Drug Administration (FDA). L’UE ha imposto un limite di azione di 0,05 parti per miliardi di aflatossina M1 nel latte e 0,025 ppb nel latte artificiale ((EC) n. 1881/2006). Per laboratori o produttori che desiderano analizzare aflatossina M1 nei prodotti lattiero-caseari, il test Elisa automatizzato PerkinElmer MaxSignalTM Aflatossina M1 è efficace nel latte intero e disgrassato, e consente di scegliere se saltare il passo sgrassante e risparmiare tempo. Se è necessaria una sensibilità fino ai livelli inferiori ai ppb, in laboratorio QSight Triple quadrupole LC-MS/MS può confermare la presenza dopo lo screening e rilevare i farmaci veterinari e l’aflatossina M1, oltre a misurare i pesticidi nello stesso test.

Quali sono le esigenze dei laboratori che analizzano latte e latticini?

Come accennato, l’identificazione dei farmaci veterinari ma anche dei pesticidi e di altri inquinanti organici persistenti. PerkinElmer QSight® Triplo quadrupolo LC-MS/MS offre sensibilità combinata con robustezza e preparazione dei campioni semplificata. Per quanto riguarda i test sui metalli in latte e polveri di latte, con normative che richiedono concentrazioni elementari che vanno da ng/L a livelli percentuali, i campioni possono rappresentare una sfida per gli strumenti ICP-MS nei laboratori per cui produttività ed efficienza sono fondamentali. Per soddisfare questa esigenza PerkinElmer offre strumenti ICP-MS, capaci di misurare rapidamente le tracce e le concentrazioni elevate di diversi elementi nello stesso campione, come NexION® 2000 ICP-MS, che migliora la capacità di eseguire queste misurazioni in campioni con alto TDS (solidi totali dissolti) come nel caso di campioni lattiero-caseari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here