Bioprotezione dei derivati lattieri

1014

Molti degli alimenti comunemente consumati sono il frutto di fermentazioni attuate da popolazioni microbiche complesse. Nell’ambito di queste comunità si instaurano costantemente rapporti tra individui appartenenti a specie diverse così come tra biotipi della stessa specie. Le forme di influenza sono variabili e comprendono la competizione per uno stesso nutriente di crescita, oppure l’inibizione della crescita di un microrganismo attraverso la produzione di un metabolita da parte dell’altro ceppo.

Alcuni batteri Gram-positivi, particolarmente ceppi del genere Lactobacillus, hanno destato interesse per la loro potenziale attività inibente alcuni comuni patogeni e contaminanti. Nei prodotti lattiero-caseari questi ceppi possono agire come “barriera” inibendo batteri non lattici e patogeni enterici. L’utilizzo di LAB (Lactic Acid Bacteria) è considerato Gras di grado 1 (Generally Recognized as Safe – grade One), pertanto tutti i lattobacilli possono essere utilizzati in sicurezza nell’industria alimentare come conservanti naturali.

Su questo tipo di applicazioni i ricercatori Alce hanno condotto numerosi test in vitro e sperimentazioni in campo utilizzando sia la coltura viva e vitale di molti ceppi di lattobacilli sia il surnatante. Questo ha permesso di creare la linea Probialac: LRPS 100, ad attività inibente batteri Gram-negativi e Listeria; PR, ad attività inibente coliformi, lieviti e muffe.

    Richiedi maggiori informazioni










    Nome*

    Cognome*

    Azienda

    E-mail*

    Telefono

    Oggetto

    Messaggio

    Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*